Ultimissime, da Parigi a Roma….

8/1/2014 Antonio Socci Blog lo straniero

CARO PAPA BERGOGLIO, QUEI TERRORISTI SONO ISLAMICI !!!! RIPETO: ISLAMICI !!!! LE E’ COSI’ DIFFICILE DIRLO ?

Scusate, ma io non riesco a capire… Possibile che mai, mai mai – dico mai !!!! – papa Bergoglio riesca a dire la parola “Islam” o “musulmani” o “islamismi” o “terroristi islamici” quando si tratta di massacri come quelli di Parigi o le persecuzioni e i macelli di cristiani in Iraq, in Sudan e altrove?


Ho letto il testo del papa sul sito vaticano. Provate voi a trovare un riferimento all’Islam:

http://www.news.va/it/news/dichiarazione-del-direttore-della-sala-stampa-pl-4

Maiiiii !!!! Possibile?


Qua sotto il celebre discorso di Benedetto XVI a Ratisbona dove chiedeva ai musulmani di decidere di rifiutare il nesso fra religione e violenza.


Benedetto XVI è un grande papa. Invece Bergoglio… mah…

http://www.vatican.va/holy_father/benedict_xvi/speeches/2006/september/documents/hf_ben-xvi_spe_20060912_university-regensburg_it.html


INTROVIGNE E BOFF: LA VARIOPINTA CORTE DI PAPA BERGOGLIO

Pur nella tragicità dei tempi ogni giorno c’imbattiamo in fatterelli comici.

Oggi ne segnalo un paio che hanno come protagonisti l’ex frate Leonardo Boff, già teologo della liberazione, e Massimo Introvigne che, pur essendo sconosciuto ai più, viene da riferimenti politico-culturali opposti a quelli di Boff (Cfr Plinio Corrêa de Oliveira vedi http://www.cesnur.org/2008/mi_notte.htm ).


Oggi entrambi si trovano a combattere sui media come sfegatati tifosi di papa Bergoglio (qualcuno potrebbe dire: dimmi con chi vai…).
Dunque il primo, Boff, nel suo attacco contro Vittorio Messori (Corriere della sera 4 gennaio 2014), tesse le lodi del papa argentino affermando che BERGOGLIO HA USATO “PAROLE FINORA SENTITE SOLO NELLA BOCCA DI LUTERO”.
Poi aggiunge modestamente: “e con meno forza nel mio libro del 1984 ‘Chiesa: carisma e potere’ ”.

Dunque il fan bergogliano Boff, appena arruolato dal “vescovo di Roma” come suo consulente per l’enciclica sociale, elogia papa Francesco assimilandolo a Lutero. “Annamo bbene”… direbbe la Sora Lella.


Il secondo, Introvigne, accusato da Giuliano Ferrara (Il Foglio 5 gennaio 2014) di fare l’introduttore e moderatore di un convegno che si riproporrebbe di “curare i gay”, protesta vivacemente e proclama che nessuno dei partecipanti al convegno “si è mai occupato di ‘curare i gay’, né, per quanto mi risulta, ha mai definito l’omosessualità una malattia”.


Infine Introvigne, nei panni dell’occhiuto vigilante, assicura: “nella mia veste di moderatore, vigilerò perché nessuno venga meno a quel dovere di non giudicare le persone omosessuali in quanto persone, accogliendole con rispetto, che emerge dal Magistero di Papa Francesco, ma anche dal semplice buon senso”.


Quindi Introvigne dichiara: “PERSONALMENTE COMPRENDO E CONDIVIDO IL ‘CHI SONO IO PER GIUDICARE LE PERSONE OMOSESSUALI?’ DEL PONTEFICE” (Il Foglio 6 gennaio).
Per Introvigne son passati i tempi di papa Ratzinger, bisogna adeguarsi ai nuovi slogan, opposti a quelli precedenti (pure sull’Islam…).
Ovviamente non sono in discussione il rispetto e l’accoglienza che sono sempre dovute a tutte le persone, chiunque esse siano e che c’erano già prima di papa Francesco (noi non li abbiamo scoperti certo ora).


Ma in discussione c’è il “chi sono io per giudicare?” detto da Bergoglio in riferimento all’omosessualità, perché – se va bene ed è giusto non giudicare le persone – il peccato invece è nettamente giudicato, dall’Antico e dal Nuovo Testamento fino al Catechismo, e invece Bergoglio si è ben guardato dal farlo presente e dal ricordarlo.


Del resto come può dire “Chi sono io per giudicare?” se è il Vicario di Cristo? Non è forse il papa? Non è stato eletto canonicamente? Ne dubita pure lui?
Il cardinale Francis George in una intervista ha detto: “Vorrei chiedere al Pontefice se si rende conto di quello che è accaduto con la frase: chi sono io per giudicare?”….
Sappiamo infatti l’immensa confusione che ha prodotto (lo abbiamo visto anche al Sinodo).
Introvigne – ci fa sapere oggi – applaude quella frase…. Con Boff.
Fa sorridere immaginarli idealmente a fianco, come paladini della nuova era bergogliama… Fa sorridere, ma anche inquieta…


Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I più letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext