22 Novembre 2014 IL RIEMPITIVO

di Pietrangelo Buttafuoco

I terremotati dei comuni emiliani sono sotto la faglia del fisco. Le vittime del sisma 2012 pagano l’Imu sulle case inagibili


. In un servizio di Paolo Bracalini, ieri, sul Giornale, si leggeva di questa incredibile vicenda zeppa di paradossi e di urgenze in verità tutte distratte. A Mirandola, per esempio, ci sono trecento famiglie nei container di lamiera. Anche a loro, scrive Bracalini, arriva la Tari.



I quaranta comuni terremotati valgono il 2 per cento del pil nazionale, ben 6 miliardi di bottino fiscale. E’ dunque difficile che si possa rinunciare al gruzzolo tanto è vero che pure le donazioni sono state tassate. Considerata l’Emilia, ineluttabilmente destinata alla satrapia dolce del Pd, già si può immaginare quale potrà essere la compensazione dopo tanto saccheggio. Come minimo, un registro di unioni civili per ogni comune.



Dopo di che, la possibilità di avere come commissario nei consorzi per la ricostruzione Ignazio Marino. Come minimo, s’è detto (eventualmente Gigino De Magistris).


Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I più letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext