Gold Club: La Russia ha GIA' Comprato 150 Tonnelate di Oro…. Conseguenze (E Chi se Ne Fotte del Referendum

19/11/2014 rischiocalcolato.it

Amo già questa donna:


Si chiama Elvira Nabiullina ed il Governatore della Banca Centrale Russa.


Ieri ci era sfuggita questo “leggerissima” notizia:


da BusinessWeek

………Russia’s central bank bought about 150 metric tons of gold this year, Governor Elvira Nabiullina told lawmakers today. That’s almost double 2013 purchases of 77 tons, International Monetary Fund data show. It indicates the nation bought 35 tons since the end of September.,,,,,,,,,


Quindi ricapitoliamo:


  • Al 18 Novembre la Banca Centrale Russa si è comprata “sobrie” 150 tonnellate di oro nel corso del 2014
  • Siccome sappiamo quanto se ne è comprato fino a fine Settembre (115t), allora sappiamo anche che in 48 giorni la Banca Centrale Russa ha comprato altre 35 tonnellate di oro

Il che è tantino…. ecco…., cioè annualizzati fanno 300 tonnellate all’anno, non esattamente pizza e fichi, cioè il triplo del ritmo “normale” di accumulo della Russia.

Ora… siccome la russia “normalmete” si compra l’oro che produce in casa, se ne compra 3 volte tanto in un periodo vuole dire che sta facendo tock tock all’LMBA di Londra il che spiega il crollo dei tassi GOFO (ovvero l’aumento del Gold Lease Rate)

E si sa, nella finanza globale se qualcuno risveglia gli squali……… (quando c’è odore di sangue)……

p.s. continuano a succedere cose cattive al Comex.

p.p.s. non me la venite a menare sul maschilismo dei russi baluardo della machotudine globale e conservazione dei valori tradizionali catto-ortodossi dei miei coglioni. Poveri stolti, ve lo fanno credere ma poi il capo della banca centrale russa è …. una donna. (scusate quando ci vuole, ci vuole)


Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I più letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext