Verso la fine della libertà di cura e di ricerca scientifica (4)

Giuseppe Di Bella 09 Novembre 2014 effedieffe free

PARTE 4


Noi di EFFEDIEFFE siamo grati al professor Di Bella per averci affidato questo articolo e onorati di poter pubblicare questo suo scritto che consideriamo di portata storica – per chiarezza e solidità scientifica – sul tema cancro, proprio in un periodo dell’anno dove le insopportabili vendite nelle piazze di azalee, arance, ortaggi e verdure varie, questue televisive (con calciatori spompati) e giornate della vita stanno impazzando in ogni dove, per finanziare truffaldinamente un’immancabile utopistica vittoria sul cancro — “periodicamente procrastinata di 5-10 anni”. Invitiamo tutti i lettori a leggere attentamente questo scritto facendolo conoscere.
La Redazione EFFEDIEFFE


Digitando su www.pubmed.gov ogni componente MDB e aggiungendo “in cancer”, si evidenziano, al 07/11/14

- somatostatina e/o octreotide, Results: 1 to 20 of 30990, pubblicazioni, tra cui quella del premio Nobel Schally

retinoidi, Results: 1 to 20 of 15022

vitamina D3, Results: 1 to 20 of 8036

melatonina Results: 1 to 20 of 1793

vitamina E, Results: 1 to 20 of 4432

vitamina C, Results: 1 to 20 of 4804

calcio, 2243 pubblicazioni

cabergolina Results: 1 to 20 of 445

bromocriptina Results: 1 to 20 of 2085

Così per ogni altro componente del MDB si evidenziano migliaia di pubblicazioni.

Conclusioni

Questi documentati – anche se ancora non valorizzati – dati scientifici, comprovano la razionalità ed efficacia della concezione multiterapica del MDB che mediante l’integrazione sinergica dei suoi componenti asseconda ed esalta le reazioni vitali e l’omeostasi antitumorale per metterle in condizione di contrapporsi alla insorgenza e progressione neoplastica.

La nuova oncologia biologica, fisiologica, del professor Di Bella può essere definita “antropocentrica” nel senso scientifico, filosofico, medico, etico e cristiano del termine.
 Considera e cura il portatore del tumore, non il tumore come entità estrapolata da un’inscindibile unità biologica psicofisica e spirituale, secondo un pensiero scientificamente inconsistente ed eticamente aberrante, frutto di una condizione culturale obsoleta a volte inconscia, che rallenta e ostacola l’accettazione delle chiare evidenze scientifiche del Metodo Di Bella (MDB) e il loro impiego clinico terapeutico.

Se il tumore è crescita, e se la crescita poggia sull’asse proliferativo GH-PRL (ormone della crescita-Prolattina), e fattori di crescita strettamente GH dipendenti, che il MDB inibisce, se Melatonina Retinoidi, Vitamina E , D3 esercitano un potente e documentato effetto differenziante (antimutazione) è ozioso chiedere un protocollo a conferma.

Il MDB nasce da acquisizioni saldamente scientifiche, da verità cioè definitivamente acquisite dalla Scienza Ufficiale. Questi concetti sono così stati sinteticamente enunciati dal professor Di Bella nel corso di una sua relazione congressuale:

«Essere essenziale più che l’inattuabile ed immaginaria uccisione di tutti gli elementi neoplastici, la realizzazione di tutte le condizioni note, possibili e atte a ostacolarne lo sviluppo. L’essenziale sta nell’attivare tutti gli inibitori dei noti fattori di crescita alle dosi e con tempestività e tempi opportuni. Il protocollo MDB è nato in questa atmosfera, quella della vita e non dell’intossicazione e morte delle cellule, metodo che asseconda o esalta le reazioni vitali, senza ricercare con precisione statistica le dosi più opportune per uccidere. Il tumore è deviazione dalla vita normale, per cui occorre portare le reazioni deviate alla norma, attraverso l’esaltazione di tutti quei mezzi che la Fisiologia considera essenziali per la vita».

Il Professor Luigi Di Bella, dopo aver considerato i troppi insuccessi e la grave, anche mortale, tossicità dell’oncoterapia, ed averne individuate e studiato le cause, ha formulato il suo metodo su basi biologiche, biochimiche e fisiologiche, denunciando il sostanziale ed evidente – anche se abilmente dissimulato – fallimento dell’oncoterapia. Ha dimostrato che in tutti i tumori non vi è né ci potrà mai essere alcun farmaco con tossicità differenziale che abbia effetto citolitico e citotossico unicamente sulle cellule tumorali, e non sulle sane.

Occorre invece agire, per il Professor Di Bella, sulle condizioni biologiche in modo da creare un ambiente non farmacologicamente tossico, ma biochimicamente sfavorevole alla biologia neoplastica, incidendo negativamente di volta in volta su una o più delle reazioni che si svolgono nell’evoluzione tumorale e attivando contemporaneamente quelle reazioni che intervengono nei processi di guarigione. Non esiste, né potrà mai esserci alcun trattamento chemioterapico citotossico in grado di guarire un tumore solido, ma unicamente un Metodo, una multiterapia razionale e biologica, un complesso di sostanze sinergiche e fattorialmente interattive, singolarmente dotate di attività antitumorale atossica, che sequenzialmente o contemporaneamente agiscano centripetamente sulla miriade di reazioni biologiche della vita tumorale, riconducendo gradualmente alla normalità le reazioni vitali deviate dal cancro.

Il Metodo Di Bella è tanto odiato e vilipeso perché è stato in grado di contrastare questo programma, costringendoli a sospenderlo per 9 anni.


Nel 1998, gli esiti positivi del MDB avevano creato un crescente interesse da parte della pubblica opinione, e una minacciosa ostilità da parte di quei circoli di potere che, come scrive Ralph Moss nel noto volume Chemoterapy questions«formano una sorta di establishment del cancroche controlla lorientamento della prevenzionedella diagnosi e della terapia del cancro». Ralph Moss conclude che, a livello globale, tutta la legislazione sanitaria tende ad accentrare il potere in poche mani e ad accrescere il conservatorismo in medicina per salvaguardare il profitto. Il tentativo di risolvere la loro critica situazione con una campagna diffamatoria fino al linciaggio morale, l’insulto triviale, e la promulgazione di altisonanti proclami, di autentiche bolle di scomunica, di diffide degli ordini dei medici, di minacce e intimidazioni al professor Di Bella, e al numero crescente di medici che cominciavano a prescrivere il MDB, sortì l’effetto diametralmente opposto, riducendo ulteriormente il già scarso prestigio delle istituzioni sanitarie. Ne uscirono con la pseudo-sperimentazione del 1998.

Per i tanti genuflessi in zelante e servile adorazione di ogni moda, prodotto pseudoculturale e scientifico proveniente dal mondo anglosassone, era inconcepibile, irritante, provocatorio che un italiano, emarginato dal mondo accademico, in piena autonomia senza finanziamenti statali, senza i miliardi delle vendite nelle piazze di azalee, arance, ortaggi e verdure varie, questue televisive e «giornate della vita» – malgrado l’atteggiamento sempre più minaccioso e intimidatorio del potere , abbia osato sfidare colossi e santuari mondiali della ricerca oncologica, gigantesche e inutili cattedrali, generose e instancabili dispensatrici di illusioni (basta considerare la fine di tre componenti della più nota famiglia di imprenditori italiani, di Pavarotti, di Raissa Gorbaciova, di re Hussein ,ecc...) e abbia intuito, concepito, formulato e praticato la prima terapia veramente causale, razionale, scientifica, efficace, tollerata, nella patologia neoplastica.

Professor Giuseppe Di Bella



1) Evaluation of the safety and efficacy of the first-line treatment with somatostatin combined with melatonin, retinoids, vitamin D3, and low doses of cyclophosphamide in 20 cases of breast cancer: a preliminary report. Di Bella G, Mascia F, Ricchi A, Colori B. Neuro Endocrinol Lett. 2013;34(7):660-8. | The Di Bella Method (DBM) in the treatment of prostate cancer: a preliminary retrospective study of 16 patients and a review of the literature. Di Bella G, Mascia F, Colori B. Neuro Endocrinol Lett. 2013;34(6):523-8. Review.

2) Obiettivi del MDB: dati reperibili su www.pubmed.gov digitando:
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/20881933
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24464005
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24378460
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23391973
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23348932
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22635078
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22167148

3) Codice applicato a bologna | Codice della Federazione nazionale che sembra direttamente scritto dalle multinazionali.


Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I più letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext