C’è una gigantesca, enorme, inaudita prateria politica in Italia.


Ed è strano, di solito i vuoti politici vengono riempiti abbastanza rapidamente, eppure negli ultimi 3 anni in Italia è scomparsa del tutto la destra popolare.

Quella che per intenderci è teoricamente maggioritaria da sempre in Italia.


L’interprete ne è stato per venti anni Berlusconi, ma dal 2011, con l’avvento di Monti e l’appoggio del PDL a quel governo, poi con l’appoggio di fatto a Letta e poi a Renzi, esiste un vuoto cosmico.


Peraltro in continua espansione grazie agli ultimi rantoli di Arcole che che da Forza Dudù (Brambilla) è passato a Forza Froci (Pascale).


Grillo o meglio, l’M5s di fatto è SEL ( o Democrazia Proletaria) ma più presentabile e non ideologizzato , quindi sinistra antagonista 2.0, roba buona fin quando non c’è alternativa.


Dall’altra parte?


Vuoto cosmico, il nulla assoluto, rottami riciclati al limite del presentabile. Roba tipo Crosetto e Meloni, bravi per carità ma comunque embedded allo stesso sistema che ha sfasciato l’Italia.


Quindi partito cercasi…. preferibilmente di destra.


p.s. non oso usare la parola che comincia con lib…. e finisce con …..rale. Penso sia la parola più sputtanata d’Italia.