L'America Ha un Disperato Bisogno di Guerra

Rischiocalcolato.it 17/9/2014

Ve la possono raccontare come vogliono. Ovvero che l'Economia USA "tira", che il PIL sale, che la disoccupazione ufficiale scende. Ora chiedetevi:


  1. Come mai se la disoccupazione ufficiale scende, il numero di americani senza un lavoro rispetto alla popolazione è ai massimi storici
  2. Come mai se tutto va bene la popolarità di Obama è ai minimi storici
  3. Che genere di "lavoro" si trova in USA, ovvero di che roba è composto il dato mensile di nuovi posti di lavoro creati?

Ma c'è di più e c'è di peggio.

Il Debito Pubblico USA è letteralmente fuori controllo.



Per darvi un idea è salito di poco più di un triliardo di dollari nei 12 mesi precedenti, e STO PARLANDO del solo debito federale, ovvero escludendo il debito delle municipalità e dei singoli Stati.


Ora state bene attenti:


NON ESISTE PIU' NESSUNA PROBABILITA' CHE IL DEBITO PUBBLICO AMERICANO POSSA TORNARE SOTTO CONTROLLO SE NON CON UNA GUERRA

Dalla crisi del 2008, il Debito Pubblico Americano in Assoluto è raddoppiato.


Utilizzando i dati in tempo reale di USdebtClock.org abbiamo un quadro preciso:


Anzitutto il Debito Pubblico Federale rispetto al PIL è del 105.59%, ma è un parametro falso se confrontato con i metodi di calcolo europei. Perchè si basa solo sul debito pubblico Federale, ed esclude quello di municipalità e Stati, quello che noi chiamiamo Debito delle Amministrazioni Pubbliche e che costituisce la nostra base di calcolo.

Detto questo facciamo qualche somma:

Debito Pubblico Federale USA: 17.746 miliardi

Debito Pubblico degli Stati USA: 1.186 miliardi

Debito Pubblico Locale (comuni, contee): 1.888 miliardi

Gran Totale: 20.820 miliardi di dollari


Rapporto fra Debito delle Amministrazioni Pubbliche USa/Pil: 123.8%

Ovvero un parametro da perfetto paese del SUD Europa.

La verità è che l'economia (e la finanza) USA è ancora largamente sussidiata da aiuti di Stato e si regge unicamente sulla capacità americana di:


  1. Vendere il proprio debito a tassi molto bassi
  2. Continuare a vendere i propri dollari al mondo

E dal punto di vista del rapporto fra economia reale e aiuti di Stato (Fed compresa) l'economia americana è in una situazione ben peggiore addirittura di quella europa, dove quanto meno si cerca di tenere sotto controllo quelli che sono gli aggregati monetari e si tenta di non aumentare troppo il totale dei debiti pubblici (di tutte le amministrazioni) dei singoli paesi.


Mi rendo conto che è comunque una gara fra zoppi.


Ma qui il punto è un altro, anzi sono due:


  1. Gli Usa non possono assolutamente permettersi un altro periodo di recessione o anche solo di bassa crescita nominale
  2. L'economia americana ha probabilità zero di sopravvivere ove venisse decisa una riduzione del rapporto fra debito pubblico e PIL senza una sostanziale mnetizzazione permanete dello stesso.

Ora come noto Janet Yellen avrebbe intenzione sia di bloccare il QE, e poi anche di alzare i tassi di sconto.


Per un po, quindi ii tassi saliranno ma ben presto la FED sarà costretta di nuovo a portarli a zero (o quasi) e monetizzare il debito. E questo per un semplice fatto: lo stock di debito è semplicemente troppo alto, o meglio, è troppo alto per non essere abbattuto con un evento che giustifichi una enorme svalutazione del dollaro o una forte ondata inflazionistica, oppure ancora con un consolidamento (bancarotta) del debito.


Siccome gli USA possiedono la più grande macchina da guerra del mondo, e contemporaneamente hanno l'apparato industriale che produce armi più sviluppato del mondo, la soluzione è ovvia.


Papa Francesco ha citato "sete di potere e avidità" alla base della terza guerra mondiale in atto. Sono d'accordo.


p.s. se fossi in Putin, farei di tutto, qualsiasi cosa per evitare ogni tipo di conflitto. Passare per pacifista stando seduto sulla riva del fiume.


Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I più letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext