Se l'uomo ha decapitato Dio

Marcello Veneziani - Gio, 04/09/2014 - Il Giornale

È un discorso tra sordi e ciechi quello imbastito in Occidente con i fanatici dell'Islam e di ogni altra fede.



Loro parlano e uccidono nel nome di Dio, un Dio atroce, e noi parliamo e rispondiamo nel nome dei diritti umani, della civiltà e dell'umanità, perfino della libertà e della ragione. Sono due linguaggi estranei a vicenda, destinati a non incontrarsi, e dunque a lasciare spazio solo alle armi.


E se provassimo per una volta ad affrontare i fanatici di Dio sul terreno loro propizio e congeniale, vale a dire il campo teologico?


Se provassimo cioè a dire ai loro adepti che uccidendo non violano i codici di vita e di legge occidentali, ma violentano e offendono Dio, il loro Dio, che essi adorano come grande e misericordioso?


Vorremmo dedicare loro questo decalogo sul piano teologico, e vedere la guerra santa in relazione a Dio e non ai suoi devoti miliziani, convinti che nessun teologo islamico, cristiano o di altra religione monoteista, possa rigettare i suoi cardini come atei o blasfemi.


I. Chi uccide nel nome di Dio compie il più grande sacrilegio perché si sostituisce a Dio e ne anticipa il Verdetto.


II. Chi crede di avere potere assoluto di vita o di morte su altre creature, rifiuta la sua stessa condizione di creatura.


III. Chi decreta che una parte dell'umanità sia da estirpare dichiara il fallimento di Dio, perché è stato Lui a mettere al mondo questi «malvagi», sono anch'essi figli suoi.


IV. Chi vuol conquistare il paradiso tramite il massacro è sulla via dell'inferno, che ha già anticipato in terra.


V. Chi pensa che il Signore dell'Universo possa delegare a una porzione recente di umanità il compito di custode esclusivo e giudice del Creato ha ridotto l'Eterno a una storia e l'Infinito a un'esile fetta di mezza luna.


VI. Chi stermina interi popoli o decapita persone solo perché appartengono a storie e tradizioni diverse, riduce ciascun uomo a granello di sabbia, nega la sua identità, non considera come ha vissuto e punisce un incolpevole.


VII. Chi pensa che Dio abbia bisogno dei boia per esercitare la giustizia divina, oltraggia la sua infinita grandezza e rinnega i suoi emissari nei cieli e in terra, gli angeli.


VIII. Chi pensa che Dio il Misericordioso possa negare la clemenza e il perdono attribuisce a Dio risentimenti umani e pulsioni bestiali.


IX. Chi pensa che Dio gioisca nel vedere uomini e popoli in ginocchio solo per paura e per terrore dei fanatici e non per fede e per amore di Dio, rivolge a Dio la peggiore bestemmia.


X. Chi uccide nel nome di Dio uccide anche Dio; chi decapita un uomo nel nome di Dio, decapita Dio nel nome dell'uomo.


Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I più letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext