Due volte assassino chi uccide in nome di Dio

Marcello Veneziani - Ven, 22/08/2014 - Il Giornale


C’è un tragico paradosso nella sacrosanta reazione dell'Occidente alle feroci esecuzioni dell’Isis

Dichiarando guerra ai terroristi fa esattamente quel che loro vogliono e minacciando di ucciderli esaudisce la loro massima aspirazione, morire nella guerra santa e finire diritti nel paradiso di Allah.


Per ogni «martire»giustiziato altri dieci invasati s'iscrivono alla lista d'attesa.


Al paradosso della guerra che rafforza anziché debellare il nemico, si aggiunge l'asimmetria di metodi e principi.Obama annuncia la caccia ai boia del reporter, e almeno sulla carta, resta nell'ambito della giustizia che fa pagare ai colpevoli e solo a loro, i crimini commessi.


I terroristi no, colpiscono obiettivi simbolici e universali, massacrano per categorie, per fedi e per nazionalità, usano la vita di inermi occidentali per lanciare i loro messaggi, perché loro sono in guerra col mondo e non con singoli o gruppi.


Questa duplice disparità rende la ferocia senza alcun limite e oltre ogni regola.


Ma quale sarebbe il rimedio, il dialogo coi terroristi deliranti, la via diplomatica con i carnefici?


No, il problema è saper effettuare interventi militari mirati, con chirurgica precisione, e allargare la forbice tra fanatici e no: più duri con i primi, più dialoganti con i secondi.


Ma è necessario che alla necessità di vendicare le vittime e punire i responsabili, si unisca la percezione di difendere non solo i diritti umani e la potenza degli Stati, ma la civiltà. Chi uccide in nome di Dio è due volte assassino.


Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I più letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext