Speciale Giappone: Oooops il Pil del Secondo Trimestre si Ŕ Sfracellato a -6.8% (credetemi io pensavo peggio)

12/8/2014 rischiocalcolato.it

L'ho fatto apposta nel titolo ad usare il dato annualizzato, cosi' tanto per ridicolizzare ancora di più gli ottimati della moneta sovrana,.....


.......quelli che al balzo del PIL del primo trimestre su base annualizzata del 5.9% e poi rivisto al rialzao del 6.7% ci hanno fatto due maroni cosi' sui grandi e potenti poteri salvifici di inflazione, stampa di moneta, svalutazione bla bla bal.


In realtà le cose sono andate cosi':


Facciamo che a fine 2013 il PIL giapponese fosse 100.


  • Nel primo trimestre il PIL è salito dell'1.7% a 101.7 (dato finale)
  • Nel secondo trimestre il PIL è sceso dell'1.8% a 99.86 (dato preliminare)

Quindi in totale la grande e potente economia giapponese, che stampa e svaluta sovranamente, si è fatta un bel -0.14% reale di decrescita del PIL. Una roba più o meno italiana (per dirla alla Renzi decimale più, decimale meno è lo stesso).

In mezzo a questo "casino" c'è stato l'aumento dell'IVA che prima ha indotto i giapponesi a comprarsi di tutto e poi ha desertificato la domanda interna.


Ora al di la di analisi puntuali la vera domanda è: E adesso? Ci sarà un altro rimbalzo verso l'alto oppure un altra (forte) discesa del PIL del Giappone?.


Staremo a vedere, è inutile fare previsioni sul più grande esperimento di politica monetaria della storia umana, per parte mia ho qualche dubbio sull'autenticità dei dati. Nel senso che mi aspettavo molto peggio, tipo un -10% annualizzato visti i crolli di consumi (-19.2%) e investimenti privati (-9.2%)


da Lettera 43

Secondo i dati diffusi dall'Ufficio di gabinetto, i consumi hanno avuto una contrazione del 5%.
GOVERNO OTTIMISTA. Il governo nipponico però non si è scomposto, spiegando che presto è attesa una stabilizzazione tale da non richiedere un budget aggiuntivo a sostegno dell'economia.


È la valutazione di Akira Amari, ministro delle Politiche economiche e fiscali.
Il calo sarebbe insomma «nell'ambito delle aspettative».


FINE INVESTIMENTI WINDOWS XP. Amari, incontrando la stampa, ha spiegato che oltre all'Iva ha pesato, almeno nel comparto informatico, la fine degli investimenti per il supporto di Windows Xp, concluso ad aprile.


«Il governo prenderà misure rapide», ha aggiunto, quando sarà ritenuto necessario, in merito all'ipotesi extra budget.
IVA IN SALITA AL 10% NEL 2015. L'Iva, secondo i piani, dovrebbe salire al 10% nel 2015, ma una decisione in tal senso deve essere presa in autunno: sul punto Amari ha rimarcato che il premier Shinzo Abe ha intenzione di valutare i dati del Pil di luglio-settembre e altri indicatori.


Il Giappone ha segnato una brusca frenata dell'economia ad aprile-giugno, nel trimestre successivo al rialzo dell'Iva dal 5% all'8%: il Pil è crollato dell'1,7% in termini reali su gennaio-marzo e del 6,8% su base annualizzata.


Ah un ultima cosa, nel 2015 ABE per riequilibrare il deficit del Giappone dovrà alzare ancora l'IVA.


Ma ma..... non poteva stampare un altro fantastiliardo di Yen? Gombloddooooooo!


p.s. evidentemente NO non poteva, se no l'avrebbe fatto.



Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I pi¨ letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext