La maledizione della Faraona

Marcello Veneziani - Dom, 20/07/2014 - il giornale

In quel tempo un demone feroce lanciò sul popolo italico la Maledizione di Ruby.


L'anatema accusava il suo re di ogni nefandezza, come l'abuso e traffico di carne umana, ma si abbatteva su tutto il suo popolo. In seguito al verdetto malefico caddero sull'Italia le Sette Piaghe d'Egitto, dalla presunta nazionalità della ancor più presunta vittima.


La prima piaga fu l'odio civile che spaccò il Paese, gli uni contro gli altri: mezzo popolo contro il governo, mezzo popolo contro i magistrati, mezzo potere in fuga come le celebri galline, mezza Italia contro l'altra.


La seconda piaga fu distrarre governo e popolo dalla crisi drammatica e dai suoi rimedi per concentrarli sulla Maledizione.

La terza piaga fu che mentre il Verdetto Abominevole arrivò atroce e puntuale, costando un'Ira di Dio, milioni di processi languivano in attesa di giudizio e l'ingiustizia regnava sovrana.


La quarta piaga fu la vergogna mondiale e il ridicolo che gettò sul popolo e i suoi regnanti, accusati di riti antropofagi come il famigerato bunga-bunga.


La quinta piaga fu lo sputtanamento della vita intima del re col vivavoce che amplificava nelle piazze anche i suoi bisogni corporali, generando disgusto e sollazzo.

La sesta piaga fu che per punire il popolo sodomita fu inviato l'Angelo Sterminatore Mari O Monti.


La settima piaga fu che quel processo divenne poi, come dissero gli stessi demoni, la Madre di tutti i processi che paralizzarono il Paese e capovolsero la volontà popolare. La maledizione ora ritorni su chi la emise.



Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I più letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext