TRAVAGLIO BOMBARDA IL DUPLEX NAPO&RENZI

Marco Travaglio per 'il Fatto Quotidiano ' 7/7/2014

 ''ORMAI LA POLITICA ITALIANA È UNA SUPERCAZZOLA 24 ORE SU 24 SENZ'ALCUN RAPPORTO CON LA REALTÀ, CON LA COERENZA, CON LA DECENZA (AL CONFRONTO IL CAINANO È UN DILETTANTE")


L'ha fatto ancora. Dopo qualche settimana di astinenza, Napolitano ha monitato di nuovo. E, siccome gli scappava da un bel po', ha espettorato ben tre moniti in un giorno. Credendosi il re d'Italia, è andato a Redipuglia. E di lì, a 100 anni dalla grande guerra, ha tuonato contro "le guerre e i nazionalismi" (brutti) e a favore dell'"integrazione europea"(bella). Concetti forti, soprattutto nuovi. Poi s'è spostato a Monfalcone e, sempre in marcia verso la scoperta dell'acqua calda, ha rimonitato per strada: "Se non trovano lavoro i giovani, l'Italia è finita".


Perbacco, che originalità. Verrebbe da domandargli dove sia stato lui negli ultimi decenni, essendo entrato in Parlamento appena nel 1953, mentre i governi italiani facevano di tutto per desertificare i posti di lavoro. O se il Napolitano che firmò ed esaltò la controriforma Fornero che manda gli italiani in pensione a 70 anni, tagliando fuori i giovani dal mercato del lavoro, fosse un suo omonimo.


Del resto, c'è un Napolitano che tuona contro le guerre e uno che difende a spada tratta l'acquisto degli F-35 (che notoriamente sganciano mazzi di rose), anche dai cattivoni del Pentagono che osano lasciarli a terra per precauzione. Un Napolitano che "quando il Parlamento delibera, il Presidente tace". E un Napolitano che ieri - terzo monito - s'impiccia nei tempi (dunque nei modi) della controriforma del Senato. Ma questo è ormai la politica italiana: una supercazzola 24 ore su 24 senz'alcun rapporto con la realtà, con la coerenza, con la decenza.


Con B. credevamo di avere raggiunto il record mondiale della balla, ma non avevamo ancora visto all'opera Napo & Renzi: al confronto il Cainano è un dilettante. Tre anni fa giunse la famigerata lettera della Bce che commissariava definitivamente l'Italia, imponendoci inutili sacrifici per decine di miliardi, oltre all'anticipo del pareggio di bilancio dal 2014 al 2013.


Fu allora che un certo Matteo Renzi, ancora soltanto sindaco di Firenze, il 26 ottobre 2011 dichiarò all'Ansa: "Mi ritrovo nella lettera della Bce. E non condivido l'atteggiamento prevalente del Pd che invoca l'Europa quando conviene e ne prende le distanze se propone riforme scomode. Rabbrividisco a sentire certe posizioni contro la lettera della Bce lanciate da chi non prenderebbe voti nemmeno nel suo condominio".


Chissà se è lo stesso Renzi che ora, divenuto segretario del Pd e presidente del Consiglio, fa il figo contro "l'Europa dei tecnocrati e dei banchieri", contro il rigore in nome della flessibilità e della crescita. C'è il Renzi che fa lo splendido con le 12 linee- guida sulla Giustizia e bacchetta il Csm: "Chi nomina non giudica e chi giudica non nomina". E c'è il Renzi che si tiene come sottosegretario alla Giustizia il magistrato Cosimo Ferri che fa propaganda elettorale via sms per mandare i suoi amichetti nel nuovo Csm (chi governa elegge e chi elegge governa).


C'è il Renzi che trasforma il Senato in dopolavoro per sindaci e consiglieri regionali perché quello attuale fa perder tempo (falso: approva le leggi in una media di 2 mesi). E c'è il Renzi che, come i predecessori, si scorda i regolamenti attuativi delle sue (pochissime) riforme, che languono nei ministeri come lettera morta. C'è il Renzi che dai 5Stelle pretende lo streaming e le risposte scritte in carta bollata, però B. & Verdini li vede di nascosto e a carte coperte, infatti il Patto del Nazareno rimane segreto di Stato.


Viene in mente quel che disse Fabrizio Barca a un imitatore di Vendola che il 17 febbraio lo chiamò dalla Zanzara : "Non c'è un'idea, c'è un livello di avventurismo! Siamo agli slogan: questo mi rattrista, sto male, sono preoccupatissimo, vedo uno sfarinamento veramente impressionante". Poi rivelò di aver rifiutato l'offerta di fare il ministro che gli giungeva da improbabili intermediari del premier, legati al quotidiano la Repubblica: "Sono colpito dall'insistenza, il segno della loro confusione e disperazione!... Sono fuori di testa!". Pareva uno scherzo telefonico: era il migliore ritratto del renzismo reale, tutto chiacchiere e distintivo.



Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I più letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext