Riecco la maggioranza senza rappresentanza. Un altro Matteo è possibile

Pietrangelo Buttafuoco 28/5/2014 Il Foglio

Si è spenta una stella megalomane (maalox). Roma espugnata da Renzi. Gli italiani per una volta giudiziosi e saggi. La resistenza dell'Amor nostro

C'è una maggioranza in Italia priva di rappresentanza politica. Non ha neanche quella culturale, si sa. Ed è il solito polo escluso. E' quello della destra e la capacità di decidere in ragione della propria natura sociale è pari a zero. E' quello del ceto medio, il contesto, quello dell'italiano medio, della larga Italia la cui media è quella di un sentimento diffuso più che di un'identità di popolo. Ed è il racconto sull'incapacità di darsi una leadership e, fatto non secondario, anche l'impossibilità di creare una casa comune senza pagare pegno all'ideologicamente corretto.

La maggioranza d'Italia che non riesce a generare élite o una significativa espressione di sé ha perso la sua ultima occasione e Silvio Berlusconi che totalizza una percentuale senza il 2 davanti consegna alla sconfitta i moderati, illusi innanzi all'altare della Rivoluzione liberale prima e dalla rimonta elettorale dopo.

Ancora più pesante è la risibilità dell'esperimento alfaniano, ovvio. Stessa cosa - ma forse peggio, in ragione della specificità "ideale" - è il nulla di fatto dei Fratelli d'Italia, forti di leader - Giorgia Meloni e Guido Crosetto - ma azzoppati da una compagnia di giro imbarazzante: Magdi Allam, Gianni Alemanno e Giulio Terzi di Sant'Agata. E tutto quel che di "sistema" resta, ovvero il corpaccione di parastato e garantiti - un tempo pascolo elettorale di vecchi ras democristiani - è traslocato nel tempo a sinistra, sotto l'ala protettiva del Pd, tendenza cattolica, di cui Matteo Renzi - sebbene fighetta - è figlio legittimo.

Certo, c'è la Lega. Ha fatto un buon risultato considerata la fogna in cui era stata gettata, a cominciare dalle mattane del suo fondatore. Un partito sfasciato - sporcato dal transito di ladri imbarazzanti e da non pochi inutili pittoreschi - restituito oggi da Matteo Salvini alla politica e che dovrà farsi carico di un percorso ideologicamente irritante, quello dove si parla la lingua della realtà che non è certo la pancia di Beppe Grillo - coi grillini a disperdersi tra reddito minimo garantito, matrimoni tra esseri senzienti di specie diverse e nullità parlamentare - ma la vacca boia della vita vera. Resta il fatto di questa maggioranza senza rappresentazione politica.


Un ceto esclusivamente elettorale ha lucrato negli anni per assicurarsi la sopravvivenza e senza mai produrre - a maggior ragione negli anni della sbornia berlusconiana - un patrimonio da vivificare poi con l'azione diretta in tema di riforme, strategia economica e scelte internazionali. Fosse pure con la vacca boia della vita vera


Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I più letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext