E' Colpa dei Tedeschi: La Stasi Colpisce Ancora

11/5/2014 rischiocalcolato.it

Distrutta l'Immagine della Mozzarelle di Bufala

 

(colpa sua, solo Bufale "made in Germany")


Nota di Rischio Calcolato: benvenuti nella rubrica ufficiale "è colpa dei tedeschi" (o dell'Euro o di qualsiasi altro nemico esterno, quello che vi pare).


Da qualche mese, ovvero con la nuova stagione televisiva e dei talk show, improvvisamente il nemico pubblico numero uno è diventato l'Euro, i Tedeschi e l'Europa, fino all'anno scorso era "l'evasore fiscale".


Se ci fate caso entrambi i "nemici pubblici" non hanno un volto e sono a loro modo esterni al sistema, sitema inteso come classe dirigente. Nuovi intellettuali, fino a pochi mesi fa confinati alla blogosfera o alle aule universitarie, sono diventati mainstream (Sapelli, Barnard, Bagnai).


Maledetti Tedeschi, sempre loro.


Pare che grazie ad inflitrati della Stasi un povero imprenditore di Caserta abbia contraffatto "a sua insaputa" le Mozzeralle di Bufala a Marchio D.O.P. spacciate per mezza italia e nel mondo.


Non ci sono dubbi, è un Gomblottone ordito dalla Signora Mekel, in combutta con Draghi e con gli "Evasori Fiscali" per gettare discredito sull'Italia...


... no ragazzi non ce la faccio più.


L'Agroalimentare insieme con il Turismo sono il nostro asset principale, quasi un Monopolio Naturale.


Questo bastardo di Caserta e i vari ispettori corrotti che hanno permesso questo scempio, vanno toturati e impicatti sulla pubblica piazza.


Brucino all'Inferno.


dal Masseggiero : Mozzarella di bufala contraffatta: 13 arresti nel Casertano. Le multinazionali sapevano


Violazioni del disciplinare di produzione (con latte vaccino mescolato a quello di bufala, altro latte acquistato all'estero) e sul versante dei controlli igienico-sanitari. Sono alcune delle irregolarità contestate al caseificio Cantile di Sparanise (Caserta), produttore di mozzarella di bufala campana dop, nell'ambito dell'operazione che ha portato 13 persone ai domiciliari, oltre che al sequestro dell'azienda e dei suoi sei punti vendita. Coinvolti anche alcuni veterinari della Asl preposti ai controlli.


Il latte utilizzato per la mozzarella dop dal caseficio Cantile - al centro dell'inchiesta che ha portato a 13 misure cautelari - non veniva sottoposto al previsto autocontrollo sanitario. Controlli a campione sul latte giacente nei silos hanno rilevato una carica batterica anche più di duemila volte superiore a quella consentita, «tale da far ritenere il prodotto finale addirittura potenzialmente nocivo per la salute pubblica», si legge in una nota del procuratore aggiunto di Santa Maria Capua Vetere, Raffaella Capasso.


Le violazioni del disciplinare di produzione con l'importazione di latte dall'estero da mescolare a quello del territorio di produzione danneggiano i 1500 allevamenti impegnati a produrre latte di bufala nel rispetto delle regole della «mozzarella di bufala campana Dop», ma colpiscono anche l'immagine di un prodotto che vanta un fatturato di oltre 435 milioni di euro, di cui 71 milioni realizzati grazie alle esportazioni. È quanto afferma la Coldiretti nell'esprimere apprezzamento per l'operazione dei carabinieri di Caserta coordinata dalla procura di Santa Maria Capua Vetere che ha portato alla notifica di 13 misure cautelari a carico degli imprenditori titolari dell'azienda, biologi, veterinari e tecnici di laboratorio.


Di fronte a questo episodio di adulterazione la Coldiretti segnala la grave responsabilità per non aver ancora provveduto alla realizzazione della misura di separazione della filiera di produzione della mozzarella registrata come denominazione di origine prevista a partire da una disposizione del 2008 e via via oggetto di rinvio. Una separazione che fino a quando non sarà adottata, restano difficili, conclude la Coldiretti,tutte le forme di controllo rispetto all'impiego di cagliate di diversa provenienza.


Le multinazionali lo avevano scoperto. «Auchan e Monoprix si sono lamentati perchè hanno scoperto che c'è latte di vaccino nella mozzarella di bufala». «No, dì che è stato un errore». È questo scambio di battute telefoniche, appositamente intercettato, tra Guido Cantile e il suo agente responsabile a Bologna della vendita della Dop ai marchi della grande distribuzione, a rivelare ai carabinieri di Caserta (pm titolare dell'indagine Federica D'Amodio, ndr) le modalità illecite di cui l'imprenditore casertano si serviva per adulterare il prodotto e abbattere i costi.


L'episodio è emerso nel corso della conferenza stampa tenuta oggi in Procura a Santa Maria Capua Vetere (Caserta). Ma i due colossi della distribuzione si erano accorti che qualcosa non andava e avevano fatto fare le analisi da cui era emerso che la bufala che Cantile spacciava come Dop in realtà non lo era, perchè accanto al latte delle bufale campane c'era latte di mucca (cosiddetto di vaccino).


Lo stesso distributore emiliano alla fine concorda con Cantile circa la necessità di mentire alle due multinazionali perchè ciò che conta è salvaguardare gli affari. «Si, diciamo che è stato un errore, non posso buttare la croce su di te perchè così perderemmo i clienti», conclude.

mi raccomando eh, date la colpa alle malvage multynazionaly


Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I pi¨ letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext