Appello a Putin: «Vieni a salvarci»!

3/5/2014 https://www.facebook.com/ron.bondo effedieffe

 E Mosca accusa l'Occidente per i massacri di Odessa


Il portavoce presidenziale Russo Dmitry Peskov ha da poco dichiarato che il Governo di Kiev e suoi alleati occidentali hanno piena responsabilità per il recente massacro in Ucraina, aggiungendo che ormai è quantomeno impossibile convincere la gente della regione al disarmo essendo le loro vite in pericolo.

Peskov ha rilasciato la dichiarazione ufficiale a seguito dei tragici eventi di Odessa. 39 attivisti anti-governativi sono morti in un incendio dopo che un edificio municipale è stato dato alle fiamme da radicali pro-Kiev. Alcuni dei manifestanti anti-Kiev sono stati bruciati vivi, altri sono soffocati o sono morti saltando dalle finestre.

Peskov, a nome del Presidente Vladimir Putin, ha espresso profondo cordoglio per le famiglie delle vittime, dichiarando che il Governo di Kiev e l'Occidente hanno le mani sporche di sangue.

«Le autorità di Kiev portano non solo la responsabilità diretta, ma sono complici in queste attività criminali. Le loro braccia sono immerse nel sangue fino ai gomiti», ha dichiarato Peskov.

«Hanno permesso ad estremisti e radicali di bruciare persone vive e disarmate. Sottolineo che queste persone erano disarmate».

  Peskov ha altresì condannato la posizione adottata da Washington e suoi alleati:

«È la più alta manifestazione di cinismo mai vista. Le persone che giustificano questa operazione punitiva sono gli stessi che non hanno permesso al legittimo presidente dell'Ucraina, Viktor Yanukovich, di portare ordine nel Paese», riferendosi alle operazioni speciali in corso nella parte Orientale dell'Ucraina su mandato del «governo» di Kiev.

«L'escalation nei combattimenti nella parte Orientale dell'Ucraina ha reso impossibile convincere la gente a disarmare la regione, perché le loro vite sono in pericolo», ha dichiarato Peskov proseguendo:

«Nonostante i numerosi e consistenti tentativi per incoraggiare il dialogo, la Russia è stata colpita con continue provocazioni non solo da Kiev, ma anche dai suoi sponsor occidentali», sottolineando come la Russia non possa da sola riuscire a trovare una soluzione al conflitto in corso.

Per bocca del suo portavoce Peskov, la Russia fa sapere che affrontare le elezioni ucraine - imposte per fine mese -, mentre la violenza continua a imperversare nel Paese, è una prospettiva «assurda».

Il portavoce del presidente, venerdì, aveva già dichiarato che Kiev è responsabile di aver distrutto l'ultimo baluardo di speranza per l'attuazione dell'accordo di Ginevra sulla de-escalation della crisi ucraina scatenando un'operazione punitiva in Ucraina orientale. La Russia vede l'operazione come «criminale» ed ha esortato il Governo ucraino a non usare la forza contro civili disarmati.

Tuttavia, l'UE e gli Stati Uniti hanno entrambi sostenuto la protezione ed il funzionamento del Governo di Kiev. Il presidente Barack Obama ha definito «una mossa per ristabilire l'ordine», mentre il capo della politica estera dell'UE Catherine Ashton ha detto che «il diritto dello Stato ucraino sull'uso legittimo della violenza deve essere rispettato »...

«I nostri colleghi occidentali stanno fondamentalmente cercando di giustificare l'elevato numero di omicidi a cui stiamo assistendo», ha dichiarato Peskov, etichettando la dichiarazione della Ashton come «mostruosa». (non esistono altre parole per definirla, n.d.e .)

Alla domanda su come la Russia avrebbe reagito all'escalation del conflitto in Ucraina, Peskov ha risposto che, al momento, non è in grado di rispondere a tale quesito.

«Questo è un territorio sconosciuto per noi», ha dichiarato il portavoce presidenziale, aggiungendo che il Governo Russo ha ricevuto migliaia di chiamate dal sud-est dell'Ucraina che domandano l'aiuto di Mosca.

«Le persone chiamano disperate, chiedono aiuto. La stragrande maggioranza vuole l'aiuto della Russi a», ha dichiarato Peskov. «Tutte queste chiamate sono segnalate al presidente Putin».


Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I più letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext