Gli Usa Bombardano la Russia con S&P, La Russia Ritira i Soldi dalle Banche NATO

25/4/2014 Funnyking rischiocalcolato.it

Oggi accade che una agenzia di rating agli ordini di uno stato che ha questo debito pubblico qui:



Ovvero S&P la quale giudica il debito qui sopra poco sotto AAA.


Dicevo accade che la summenzionata agenzia di rating, autonomamente e senza alcun condizionamento.... abbia downagradato ad un solo passo dalla spazzatura (da BBB a BBB-) una nazione che ha questo debito pubblico qui:



Si avete letto bene, la Russia ha un debito pubblico pari al 8,4% del PIL.... e ci sarebbe qualche elemento per credere che il PIL reale della Russia sia un multiplo di quello ufficiale (chiedere a chi fa impresa da quelle parti per conferma).

Capite bene che l'arma del rating non è esattamente "terrificante" per la Russia in quanto nazione, potrebbe invece dare qualche problema alle aziende di Stato, ma dopotutto parliamo sempre di società sedute sul 40% delle risorse del pianeta con un poplazione di 150 milioni di persone (e vogliamo parlare di estensione del territorio?)


Come risultato di questa lungimirante mossa ecco la reazione automatica del Cremlino (da Zh):


Russian presidential adviser Sergei Glazyev proposed plan of 15 measures to protect country's economy if sanctions applied , Vedomosti newspaper reports, citing Glazyev's letter to Finance Ministry. According to Vedomosti as Bloomberg reported, Glazyev proposed:


  • Russia should withdraw all assets, accounts in dollars, euros from NATO countries to neutral ones
  • Russia should start selling NATO member sovereign bonds before Russia's foreign-currency accounts are frozen
  • Central bank should reduce dollar assets, sell sovereign bonds of countries that support sanctions
  • Russia should limit commercial banks' FX assets to prevent speculation on ruble, capital outflows
  • Central bank should increase money supply so that state cos., banks may refinance foreign loans
  • Russia should use national currencies in trade with customs Union members, other non-dollar, non-euro partners

Ora, sarebbe il caso che l'Unione Europa, cristianamente cerchi di comprendere le ragioni di Mosca, e di magari di farsi due conti. Dopodomani è il 27 Aprile.


Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I più letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext