FRASI CELEBRI: TASSE/STATO/SOCIALISMO

FRASI CELEBRI SU TASSE, SOCIALISMO E STATALISMO


 Churchill,


"i socialisti sono come Cristoforo Colombo: partono senza sapere dove vanno. Quando arrivano non sanno dove sono. E tutto questo lo fanno con i soldi degli altri".


Il vizio inerente al capitalismo è la divisione ineguale dei beni; la virtù inerente al socialismo è l'eguale condivisione della miseria.


Nicolás Gómez Dávila

Man mano che cresce lo Stato decresce l'individuo.

Il socialismo è la filosofia della colpa altrui


Friedrich Nietzsche,

Si chiama Stato il più gelido di tutti i gelidi mostri. Esso è gelido anche quando mente; e questa menzogna gli striscia fuori di bocca: “Io, lo Stato, sono il popolo” .


Murray Rothbard,

Lo Stato, a differenza di quanto accade con una banda di malfattori, non è considerato una organizzazione criminale; anzi, solitamente i suoi tirapiedi hanno rivestito le posizioni più elevate nella società. Si tratta di una condizione che permette allo Stato di cibarsi delle proprie vittime e, al tempo stesso, di raccogliere il sostegno, o almeno l’acquiescenza, di gran parte di esse a questo processo di sfruttamento.


«Cos'è la tassazione se non un furto su scala gigantesca e incontrollata?».


«Ovviamente, i burocrati politici danno la solita risposta alle lamentele sempre più numerose riguardanti il servizio inefficiente e insufficiente: "i contribuenti devono darci più soldi!"».


«Mentire allo Stato diventa un atto legittimo».


«I sacrifici sono a senso unico. Lo Stato non si sacrifica; lo Stato si appropria avidamente delle risorse materiali dei cittadini. Di fatti, ci si può regolare “a lume di naso”: quando i governi chiamano ad alta voce ai “sacrifici”, stiamo attenti alla nostra vita e al nostro portafogli».


Se il grosso della popolazione fosse realmente convinto dell’illegittimità dello Stato, se fosse convinto che esso non è altro che una banda di criminali in grande stile, lo Stato deperirebbe rapidamente e non godrebbe di maggiore considerazione o durata di una qualsiasi organizzazione mafiosa.


Indro Montanelli

“Lo Stato dà un posto. L'impresa privata dà un lavoro.”


Walt Whitman

“Agli Stati, o a ciascuno di essi o ad ogni città degli Stati: resisti molto e obbedisci poco!”


Margaret Hilda Thatcher

“Più grande è la fetta presa dallo Stato, più piccola sarà la torta a disposizione di tutti.”


Thomas Jefferson

“Credo che abbiamo più meccanismi di governo di quanto sia necessario, troppi parassiti che vivono sul lavoro delle persone operose.”


Ronald Reagan

"Considero tutte le proposte d'intervento statale con mente aperta, prima di votare no".

"L'assegno di disoccupazione è una vacanza prepagata per i fannulloni" (1966).


Papa LEONE XIII (1810.1878-1903)
«La privata proprietà non venga stremata da imposte eccessive. Il diritto della proprietà derivando non da legge umana, ma dalla naturale, lo Stato non può annientarlo, ma solamente temperarne l'uso ed armonizzarlo col bene comune, ed è ingiustizia ed inumanità esigere dai privati, sotto nome d'imposte, più del dovere" (enciclica "Rerum Novarum", 1891, n. 35).


Milton FRIEDMAN (1912-2006)
«Io sono a favore del taglio delle tasse in ogni circostanza e per ogni giustificazione, per ogni ragione, ogni volta sia possibile. È l'unico modo per diminuire le spese".


George Orwell,

La maggior parte dei socialisti si limita a evidenziare che una volta instaurato il socialismo saremo più felici in senso materiale e presuppone che ogni problema venga a cadere quando si ha la pancia piena. Invece è vero il contrario: quando si ha la pancia vuota non ci si pone altro problema che quello della pancia vuota. È quando ci lasciamo alle spalle lo sfruttamento e la dura fatica che cominciamo davvero a farci domande sul destino dell'uomo e sulle ragioni della sua esistenza.


Frédéric BASTIAT

"Lo Stato è la grande finzione attraverso la quale ognuno cerca di vivere a spese di tutti gli altri".


Sergio Ricossa

„Con l'enciclica Centesimus annus la Chiesa sembra accettare apertamente il sistema dell'economia di mercato, e riesce perfino a scorgere i difetti del Welfare State. Peccato non condanni i cattocomunisti, che formano una seconda Chiesa.


„Sui muri della facoltà dove insegno sta scritto: "Al professor Ricossa, noi scaverem la fossa". Invece spaccano il naso a uno dei miei figli. Non ci si può fidare delle promesse, neanche di quelle dei rossi.





Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I più letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext