Un capolavoro sulle rovine

Marcello Veneziani - Mer, 05/03/2014 - Il Giornale

La Grande Bellezza è un diamante che brilla su un cumulo di rifiuti


Illustri Autorità, presidenti e sindaci che vi avventate sull'Oscar alla Grande Bellezza e cercate di salire sul carro del vincitore, come è d'uso nostrano, non avete capito o fate finta di non capire:


il film premiato inscena l'agonia del Paese e della Città che voi rappresentate.

C'è poco da sentirsi orgogliosi, c'è poco da festeggiare, è l'apoteosi di un declino.


È come se davanti alla Pietà di Michelangelo si sentissero coautori gli eredi di chi mise Cristo in croce, così permettendo all'artista di immortalare la Morte. Il film di Sorrentino è un glorioso funerale a una Città/civiltà in decomposizione. Un canto sulle rovine.


Scendete dal carro, Autorità, siete i rappresentanti legittimi della nazione, dello Stato, del Comune descritti nel loro disfarsi, vistosamente inadeguati non solo a quel passato ma anche alle sue vestigia maestose, come mostra il degrado pompeiano.


 Il film è un capolavoro, lo scrissi sin da quando uscì, ma esprime la gloria passata e il degrado presente, e il loro stridore; mostra la bellezza di quel che fu e il degrado a quel che è. Lo descrive con lo spirito di Petronio, di Flaiano e di Dagospia.

Dal Satyricon a Cafonal. Nel film, il simbolo di Roma, e dunque d'Italia, a me sembra Sabrina Ferilli e ancor più Serena Grandi che offre lo spettacolo del suo disfacimento tra i giudizi impietosi della gente.


La Grande Bellezza è un diamante che brilla su un cumulo di rifiuti. E loro si sentono orgogliosi per aver solo contribuito al cumulo dei rifiuti.


Confondono coprotagonisti e coprofilia.


Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I pi¨ letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext