Gli argini d'Europa non reggono

Marcello Veneziani - Mar, 11/02/2014 - Il Giornale

Illustri europeisti che vi spaventate per il successo dei populisti in Svizzera, volete davvero frenare l'onda antieuropeista che s'ingrossa a vista d'occhio?


C'è solo un modo per farlo: in sintesi, proteggere l'Europa. Siamo sotto attacco da tre parti: in alto dalla speculazione finanziaria internazionale, in basso dall'immigrazione incontrollata, di fianco dall'invasione di prodotti asiatico-cinesi.


 I tre flussi vengono accolti nel nome del nuovo fatalismo: la libera circolazione di capitali, uomini e merci.


Ma se volete restar fedeli a questo fatalismo sfascerete l'Europa perché non ne sopporta il peso. Naturalmente, il rimedio non è barricarsi in casa, pussa via migranti e protezionismo assoluto. Ma è il realismo, cioè governare i flussi, arginarli, regolamentarli, frenarli quando è il caso.


Avendo come priorità non il principio-Globale ma il principio-Europa. Da lì discende la necessità che l'Europa difenda gli europei dentro e fuori i suoi confini (anche in India, per intenderci).


E si doti di una polizia di frontiera europea, di una politica estera, energetica e militare europea e di un governo politico eletto dai popoli europei.


L'onda antieuropea si sconfigge con più Europa.


Ora invece l'Europa si protegge dagli europei, cioè contro di loro; tra procedure d'infrazione, rigidità di parametri e di norme, tirannia del debito e del fisco, è un massacro di Stati nazionali e cittadini.


Fate un'Europa estroversa, cioè più libera al suo interno, più protettiva al suo esterno e fermerete i populisti euroscettici.


Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I più letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext