Chi disturba il Pd finisce in galera

Vittorio Feltri - Sab, 08/02/2014 - Il Giornale

 Il leader del Movimento 5 stelle è sotto il tiro della magistratura. Non si può finire in galera per delle parole


Anche per Beppe Grillo, come si dice dalle mie parti, è arrivato «quello del formaggio», cioè colui il quale è pronto a darti una lezione.


Nel caso specifico, quello del formaggio ha la toga e merita di essere temuto perché se ti prende di mira c'è poco da scherzare, come ben sa Silvio Berlusconi.


Che cosa sta succedendo? Ormai il lettore avrà capito. Il leader del Movimento 5 stelle è sotto il tiro della magistratura.

A Torino il Pm ha chiesto la sua condanna a nove mesi di carcere al termine di un processo riguardante una baita costruita abusivamente e divenuta simbolo e icona dei No Tav; a Genova la Procura lavora per decidere se iscrivere il comico nel registro degli indagati in seguito a numerosi esposti provenienti da varie città, che lo accusano di avere sollecitato le forze dell'ordine  a non difendere più i politici italiani, responsabili dello sfascio del Paese.


Tutto ciò non stupisce, ma preoccupa perché è la prova che in materia di diritti civili siamo rimasti indietro di un secolo, senza contare l'arretratezza dei nostri codici penali. Cerchiamo di spiegare.


Chiunque è consapevole che erigere una baracca o qualcosa del genere senza i canonici permessi è un reato, quantomeno un abuso. Chi lo ha commesso va quindi punito. Ma non con la galera. È sufficiente imporgli di demolirla e di ripristinare sul territorio lo statu quo ante, cioè la situazione ambientale precedente. Inoltre è giusto fargli pagare un multa proporzionata al danno provocato.


Fine della storia. Qui invece siamo di fronte a una richiesta di pena detentiva assai pesante: nove mesi di galera. Non ha senso.


Qualcuno griderà allo scandalo e punterà il dito contro il Pm cattivone. Può darsi che ci sia qualcosa di vero, ma soltanto qualcosa. Il problema però è che il legislatore ovvero il Parlamento non abbia provveduto a correggere una legge tanto severa, quella cui si appella la pubblica accusa, cosicché un'eventuale condanna di Grillo alla prigione sarebbe sì intrinsecamente ingiusta, ma legittima in quanto prevista dal codice per il reato di cui trattasi.


Ribadiamo il concetto. Non si costruiscono edifici senza aver ottenuto le relative autorizzazioni, non si appoggiano eventuali iniziative scorrette di persone ostili alla realizzazione dell'Alta velocità, tuttavia è fuori dalla logica e dal buon senso castigare il reo rinchiudendolo in una cella per quasi un anno. Va risarcita la società? Sicuramente sì. Si pretenda da Grillo - ammesso e non concesso che sia colpevole - l'esborso della cifra necessaria a riparare i danni. Punto e amen. Nossignori. Si invoca per lui la reclusione.


Se si usassero sempre questo metro e questa misura, bisognerebbe incarcerare la metà della popolazione nazionale, dato che gli abusi edilizi sono più diffusi del raffreddore.


Va da sé che Grillo, qualora la sentenza rispecchiasse le aspettative del Pm, sarebbe vittima di accanimento giudiziario. Se il processo si concludesse con un simile verdetto, il M5S dovrebbe correre subito ai ripari, dandosi da fare affinché la legge venisse modificata e resa consona all'effettiva gravità del reato. Ma non avverrà nulla di simile, in quanto i pentastellati, invece di contribuire a migliorare i codici, si dannano per attaccare Laura Boldrini e si perdono in mille stupidaggini, sprecando energie degne di miglior scopo.


Veniamo alla seconda grana, ancora in fieri, con cui è alle prese il guru genovese. Quella che pure abbiamo citato in apertura del presente articolo: l'invito rivolto da Grillo alla polizia e ai carabinieri a trascurare l'incolumità dei politici. Parole che Grillo poteva risparmiarsi. Viceversa le ha addirittura diffuse - si mormora - sui suoi blog. Ebbene, che c'è di strano? Le parole non sono proiettili, non uccidono né feriscono. Dare addosso a chi le ha pronunciate e trascinarlo in tribunale è una mascalzonata da repubblica delle banane, dove la libertà di pensiero è calpestata e dove le idee non condivise dal potere sono considerate al pari delle azioni criminali.


È inammissibile che nel terzo millennio si processi qualcuno perché ha detto una frase storta, insolente, sgarbata e, nel caso di specie, surreale e, pertanto, palesemente non indicativa di un'intenzione autentica. In politica se ne dicono di fesserie, una più, una meno che volete che sia? Ma anche qui occorre distinguere. Un conto è la magistratura, che agisce in base alle leggi di cui dispone, un altro è l'infingardaggine del legislatore che se ne infischia dell'esigenza di adeguare i codici al nostro tempo (che dovrebbe essere democratico e tollerare la maleducazione a scapito delle buona creanza).


Galera anche per una locuzione infelice? Ma per favore, smettiamola con queste manfrine finalizzate a zittire gli apoti e a disarmarli perché disturbano il manovratore (che poi non sappiamo quale volto abbia). La giustizia affronti le questioni serie, e la politica la ponga nelle condizioni di non essere ridicola agli occhi della gente.


Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I più letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext