Gli anfibi tra popolo e palazzo

Marcello Veneziani - Gio, 19/12/2013 - Il Giornale

 

La protesta dei forconi è il piccolo sintomo di un più grande fenomeno: il vero bipolarismo in Italia è tra populisti di piazza e governativi di Palazzo


E sullo sfondo tra filo-italiani e filo-euro.


 Il disagio ha superato i livelli di guardia e va ben al di là dei manifestanti di piazza. Ma la paura e il disincanto, come idranti, disperdono la folla.


Evitiamo i manicheismi: di qua i buoni, di là i cattivi.


Tra i populisti ci sono irresponsabili, demagoghi e abusivi che hanno qualche responsabilità nella situazione.


 E tra i palazzisti, tutori dello status quo, c'è pure gente per bene, non responsabili del disastro.


Mai generalizzare e sparare nel mucchio, mai tracciare linee tra buoni e cattivi. Al più tra cause buone e cause cattive, almeno in prevalenza buone o cattive.


Un divario del genere mette in difficoltà gli anfibi, che poi sono tanti, quelli di lotta e di governo, i rottamatori senza rompere, o chi prende i voti dalla protesta popolare e poi li va a spendere nell'outlet del potere.


Capisco il disagio di Alfano e del suo partito (per rispetto non mi sento di chiamarli Ncd, mi sembra di chiamare una cooperativa di noleggio auto), che sa di dover attingere i voti tra quelli che sono con la piazza e al tempo stesso da ministro dell'Interno usa toni intransigenti, da Bava Beccaris, fino a prendersela coi suoi elettori e alleati di ieri e probabilmente di domani.


Lo dico senza polemica, perché capisco e rispetto le ragioni della difficile posizione. Ma la nuova politica sorgerà su quel bipolarismo.


Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I pi¨ letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext