Stati Uniti...dai debiti

17/5/2012 Di Peppe Meola per Rischiocalcolato.it

Mentre sembra che gli occhi del mondo siano rivolti solo sulla crisi dei debiti sovrani europei, altrove ci sono realtà che non se la passano per niente meglio. Gli Usa, ad esempio, hanno uno dei più grandi debiti pubblici al mondo; ma se questo è abbastanza risaputo, quello che raramente viene raccontato è il dissesto finanziario di molti suoi Stati.

*Prima sono falliti i Comuni, sotto i colpi della crisi immobiliare. Poi sono entrati in crisi metropoli e contee americane che, in Italia, sarebbero province o piccole regioni. Infine, hanno iniziato a traballare Stati floridi e attraenti come la California.
Insomma, negli Usa che propagandano la ricetta della crescita contro la linea europea del rigore, la situazione non è così rosea.

E quando, come nello Stato della città degli Angeli, dopo anni di deficit in espansione - nel 2012, il buco di bilancio ha sfiorato i 16 miliardi di dollari, contro i 9,2 preventivati - l'amministrazione ha voluto far quadrare i conti, la strada praticata è stata quella dei tagli per 8 miliardi agli stipendi pubblici, alla sanità e alle pensioni. Una ricetta degna della Trojka per la Grecia.


Austerity Usa

Certo, a onor del vero, il governatore democratico Jerry Brown ci ha provato a proporre una tassa sui ricchi che, entro il 2013, con un prelievo sul reddito a chi guadagna oltre 250 mila dollari, porti in cassa entrate fiscali per almeno 7 miliardi.
Come al congresso di Washington, però, anche in California i repubblicani hanno alzato le barricate contro i Robin Hood. Mentre i compagni di partito democratici si sono opposti alle misure di austerity.
Così, da anni, i conti degli Stati hanno iniziato a scivolare in profondo rosso. E non solo nello Stato di Hollywood. Bensì in molte amministrazioni locali Usa dove la situazione è sempre più simile a quella greca.


Da Vallejo a Stockton: California in profondo rosso

In California, la china è iniziata nel 2007, con l'esplosione della bolla immobiliare che, come in altri Stati degli Usa, ha bloccato gli introiti dei Comuni, ripercuotendosi a cascata sui governi statali.
La prima amministrazione americana ad avviare la procedura fallimentare è stata, nel 2008, proprio la città californiana di Vallejo, che non ha più entrate dagli investimenti privati e dalle opere di urbanizzazione che, negli anni d'oro, avevano gonfiato la popolazione fino a 130 mila abitanti.
Con le casse vuote e senza poter pagare i servizi ai cittadini, alla fine il Comune di Vallejo è stato costretto a chiudere bottega, mandando a casa migliaia di dipendenti pubblici.


Buco da 38 miliardi

Nello scorso febbraio, un'analoga procedura fallimentare era stata approvata dal Consiglio cittadino di Stockton, il quarto centro più grande della California con oltre 290 mila abitanti e un deficit contabile di oltre 15 milioni di dollari.
Con i tempi che corrono, gli analisti hanno stimato un buco fino a 38 miliardi di dollari per l'anno fiscale 2012-2013: un crollo di entrate che ha fatto paventare un crac del Comune già entro l'estate prossima.
Del resto, sono anni che, sempre in California, gli amministratori locali battono (invano) ogni strada, per dare boccate d'ossigeno ai disastrati conti pubblici.


Prostituzione e cannabis anti-crisi

Nel 2008, per esempio, il Comune di San Francisco propose di legalizzare le prostitute per abbattere le spese degli arresti e dei processi alle lucciole.
Poi, nel 2010, si tentò il referendum sulla liberalizzazione della cannabis. Per sensibilizzare l'opinione pubblica, a Oakland i sostenitori crearono addirittura l'università di Oaksterdam (Oakland + Amsterdam), che formasse imprenditori della marijuana, in grado di rimettere in moto l'economia della città portuale in recessione.


Il default del Minnesota e Detroit verso il fallimento

I cittadini, tuttavia, dissero no al business della droga libera, convinti che non fosse questa la via maestra per scampare alla bancarotta.
Adesso, se quest'anno il governatore Brown non riuscirà ad arginare il crollo di introiti, in California avverrà quel default che, nel luglio 2011, è stato temporaneamente vissuto gli abitanti del Minnesota.
Lo Stato, bloccato dall'impasse politico, non era riuscito a raggiungere un accordo sul budget statale in grado di rifinanziare il debito. Così, l'amministrazione si trovò a chiudere di colpo tutti i servizi, mandando a casa 24 mila dipendenti pubblici.
Negli Usa, infatti, gli enti statali funzionano come aziende: quando non guadagnano si fermano, licenziano lavoratori, chiudono biblioteche e parchi come fossero negozi, fermano i cantieri. Per poi ripartire da zero senza troppe questioni.


La crisi del Minnesota

Pochi mesi prima, la contea di Jefferson, in Alabama, era stato il 12esimo ente locale, dall'inizio del 2011, a chiedere la protezione del Chapter 9: il codice di bancarotta degli Usa creato dal governo federale per contenere le situazioni di crisi e proteggere creditori e debitori.
Prima di Jefferson, tra le altre, era toccato a Harrisburg, capitale della Pennsylvania, e alla contea rurale di Boise, nello Stato dell'Idaho.
Con un deficit a lungo termine di 12 miliardi di dollari, inoltre, anche l'ex capitale dell'auto Detroit non naviga in acque serene.


Detroit, crac imminente

Il fallimento, secondo gli analisti, potrebbe arrivare già questa estate, con l'implosione di un deficit operativo di 270 milioni di dollari.
Una bancarotta destabilizzante per lo Stato del Michigan. Che, tuttavia, farebbe compagnia alla squattrinata California. E, stando a una stima dell'Independent center on budget and policy priorities, ad altri Stati federali in rosso - dal Nevada al Texas, dall'Illinois all'Oregon - sull'orlo del default, con quasi 125 miliardi di buchi in bilancio.


Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I pi¨ letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext