La fuga dalle banche greche sarÓ presto seguita dalle altre nazioni europee

17/5/2012 Da The Economic Collapse

 La fuga dalle banche alle quali stiamo assistendo in questi giorni in Grecia è semplicemente sconvolgente. A partire dal 6 maggio scorso, è stato ritirato dalle banche greche circa 1 miliardo di euro. Per una nazione piccola come la Grecia, si tratta di una cifra catastrofica. A questo punto, l'intero sistema bancario greco è a rischio collasso.


Se hai dei soldi in una banca greca, perchè non dovresti ritirarli? Se la Grecia esce dall'euro, tutti gli euro nelle banche greche saranno plausibilmente convertiti in dracme, ed il valore di queste dracme quasi certamente calerà in modo drammatico. Infatti, è stato stimato che qualora le Grecia uscisse dall'euro, i cittadini greci potrebbero veder calare il valore dei loro risparmi fino ad un 50%. Dunque, se hai dei soldi su conti in banche greche, l'unica cosa sensata da fare è ritirarli e spostarli in un'altra nazione, ed il prima possibile. E dato che la zona euro incomincia a sfaldarsi, questo è uno scenario che vedremo verificarsi in una nazione dopo l'altra.

Via via che le nazioni usciranno dall'eurozona, sarebbe folle tenere i soldi in una banca italiana o spagnola quando potresti tenerli invece in una banca tedesca. Dunque, la fuga dalle banche che si sta verificando in Grecia in questi giorni è solo un'anticipazione di quello che accadrà. Prima che questa crisi sia terminata, è possibile che assisteremo alla fugha dalle banche in tutta Europa.

Se la Grecia esce dall'euro, le conseguenze probabilmente saranno piuttosto problematiche. Quelli che stanno promuovendo l'idea che l'uscita della Grecia possa essere effettuata in una maniera ordinata non sono particolarmente onesti. Ecco cosa viene scritto a riguardo in un recente articolo sull'Independent...

«Chiunque vi dica che l'uscita della Grecia non sarebbe una cosa grossa è un idiota, mente o è un calcolatore», così ha dichiarato Sony Kapoor, del pensatoio europeo Re-Define. Gli economisti temono che un'uscita disordinata scatenerebbe una rapida fuga degli investitori dal debito spagnolo ed italiano, obbligando tali nazioni a cercare l'aiuto del Fondo Europeo di Salvataggio che, però, con una capacità limitata a 500 miliardi di euro, sarebbe troppo piccolo per contrastare tali loro spinte.
Un'uscita della Grecia dall'euro non solo determinerebbe una fuga dai Titoli di Stato spagnoli ed italiani, ma anche una fuga dalle banche spagnole ed italiane.

Se si permette alla Grecia di uscire dall'euro, quello sarà il segnale che lo si permetterà anche da altre nazioni e nessuno sano di mente vorrà avere gli euro bloccati in banche spagnole od italiane, se tali nazioni finiranno per ritornare alle proprie precedenti valute.

La paura è una forte motivazione. Se la Grecia riconverte gli euro in dracme, sarà un chiaro segnale che non tutti gli euro sono stati creati nello stesso modo e la corsa per spostare il denaro nelle banche tedesche aumenterà in modo drammatico.

Di fatto, l'uscita della Grecia dall'euro sembra più plausibile ogni giorno che passa. Anche il Fondo Monetario Internazionale ammette ora che è una possibilità molto concreta...

Christine Lagarde, capo del FMI, ha dichiarato di essere «tecnicamente preparata a tutto» e che si dovranno compiere tutti gli sforzi necessari per garantire che, se dovesse avvenire l'uscita della Grecia, possa essere ordinata. L'effetto potenzialmente potrebbe essere devastante dati i rischi per la crescita, il commercio ed i mercati finanziari. «È un qualcosa che potrebbe essere molto costoso e porre grossi rischi ma è una delle opzioni che tecnicamente dobbiamo considerare».
Nel frattempo, le banche in altre nazioni europee si trovano su di un terreno traballante: il sistema bancario spagnolo è a questo punto una zona totalmente disastrata e lunedì notte Moody's ha declassato 26 banche italiane.

La situazione italiana merita davvero uno sguardo da vicino: come ha recentemente fatto osservare Ambrose Evans-Pritchard, le cose per l'Italia non hanno per niente un bell'aspetto...

L'ex Primo Ministro italiano Romano Prodi ha dichiarato che, se la Grecia esce dall'euro, l'Unione Europea rischia un contagio immediato a Spagna, Italia e Francia. Per Prodi: «L'intero castello di carte verrebbe giù».

Angelo Drusiani, della Banca Albertini, dichiara che il solo modo per evitare la catastrofe consiste nel convertire la Banca Centrale Europea in prestatore di ultima istanza. Altrimenti l'Italia ha davanti a sè «un'enorme svalutazione, da 3 a 5 anni di iperinflazione ed una disoccupazione inimmaginabile».
Cosa si può fare?

Beh, in effetti c'è parecchio che potrebbe essere fatto se i politici in Europa volessero pensare al di fuori dello schema finanziario globalizzato precostituitosi. La verità è che la Grecia potrebbe risolvere i suoi attuali problemi finanziari in sole 4 semplici mosse.

Beninteso, dovrebbero essere disposti ad essere duri con il resto d'Europa e rischiare di avere contro la comunità internazionale, ma è fattibile.

Ecco la mia ricetta per la Grecia:

1) Insolvenza su tutti i debiti

2) Uscita dall'euro

3) Emissione di dracme libere da debito e che non siano emesse da una Banca Centrale ma, all'opposto, create dal governo greco e messe direttamente in circolazione

4) Godersi il ritorno alla prosperità

In un simile scenario, il debito nazionale greco non sarebbe più un problema perchè il governo non dovrebbe più andare a prestito di nessuna somma e l'austerità non sarebbe più necessaria.

Sì, l'inflazione avrebbe a che fare con la nuova valuta, ma un po' di inflazione non sarebbe che una passeggiata di salute paragonata all'orribile depressione economica che la Grecia sta sperimentando in questo momenti.

Una volta che l'economia greca crescerà nuovamente, sarà certo possibile per loro, se lo vorranno, il passare ad una moneta forte.

È tassativo che noi tutti si comprenda bene che solo perchè il sistema finanziario funziona oggi in una certa maniera, questo non vuol dire che dovrà essere sempre così.

Se avete una manciata di minuti, vorrei che guardaste qui sotto e l'incredibile discorso di una ragazza canadese di 12 anni, di nome Victoria Grant. In questo suo discorso di 6 minuti spiega come i banchieri abbiano derubato la gente del Canada e di come il governo canadese non abbia nessun bisogno di prendere in prestito nemmeno un centesimo da tali banchieri...




Se riesce a capirlo una bambina di 12 anni, perchè non ci riesce il resto di noi?

Sfortunatamente, il mondo finanziario sembra tutt'ora irretito dal corrotto sistema delle Banche Centrali che ci ha portato in questo caos. Di fatto, un recente sondaggio ha evidenziato come il presidente della Federal Reserve Ben Bernanke goda del 75% di approvazione da parte degli investitori internazionali.

Proprio ora, l'America sta percorrendo la stessa discesa già percorsa da Grecia, Spagna ed Italia. Alla fine sbatteremo contro un muro ed il nostro sistema finanziario andrà in pezzi.

Occorre che gli americani comprendano che il sistema della Federal Reserve è una macchina di debito perpetuo. Il debito nazionale americano è ora oltre 5.000 volte più grande di quello che era quando fu creata la FED. Questo è il nucleo centrale dei nostri problemi finanziari.

Quando la gente si sveglierà e si renderà conto che il sistema delle Banche Centrali

E' IL PROBLEMA e NON la soluzione?

Quando la gente si sveglierà e si renderà conto che i governi nazionali non devono indebitarsi con nessuno se non lo vogliono?

Oggi, nel nostro mondo, il debito è molto più grosso della massa di denaro.

È un sistema che crollerà inevitabilmente.

Ma ci sono altre alternative.

Sfortunatamente, i politici in tutto il mondo continuano ad andare a braccetto con l'attuale sistema finanziario basato sul debito.

L'effetto è che noi patiamo le conseguenze di un tale sistema.

Traduzione per EFFEDIEFFE.com a cura di Massimo Frulla

Fonte > 
The Economic Collapse


Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I pi¨ letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext