Dud¨ indagato a zampa libera

Marcello Veneziani - Gio, 05/12/2013 - Il Giornale

 

 Come si temeva, è arrivato anche a Dudù, il cagnolino di casa Berlusconi, un avviso di garanzia.


 

 Vivendo giorno e notte muso a muso col suo padrone, Dudù non poteva non sapere quel che accadeva ad Arcore. Ma non parla.


Perciò il barboncino è accusato di reticenza, connivenza e favoreggiamento. Per spingerlo a vuotare il sacco, imputano a Dudù una sfilza di reati: in primis è accusato di aver avuto rapporti sessuali con cuccioli minori.


È stata avviata un'inchiesta in codice: «Trottolino amoroso dudù dadadà».


Grazie alle intercettazioni ambientali e alle microspie (mini-bassotti infiltrati a Palazzo Grazioli) Dudù è poi accusato di evasione fecale, perché avrebbe depositato i suoi escrementi in territori vietati dalla legge.


Lo accusano pure di aver corrotto un branco di randagi e adescato un bulldog partenopeo istigandolo a cambiare padrone.


 Da quando i cani poliziotto gli danno la caccia, lo hanno abbandonato alcuni dei suoi amici a quattrozampe più fidati: da Angelino Alano al Levriero Schifano, variante sicula del levriero afgano, più altri Lupi, volpini e cockerini. Restano invece con lui la barboncina toy brunetta, la dobermann piemontese con le zampe a spillo, il segugio pugliese Fittbull e due cagnoni toscani, lo spinone Denis e il bracco-Bondi.


Il Tribunale del Cane imporrà a Dudù la museruola, il guinzaglio e forse il canile.


 Dudù sperava in un cane super partes, il Mastino Napolitano... (voi ci scherzate, ma gli animalisti hanno chiesto davvero la visita fiscale per Dudù).


Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I pi¨ letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext