Partiamo dalla Patria e rifacciamo l'Europa

Marcello Veneziani - Mer, 04/12/2013 - Il Giornale

 

L'Europa deve cambiare meta. La soluzione non è uscire dall'Unione, ma farla diventare soggetto coeso e libero al suo interno


Sì, Presidente Napolitano, ha ragione, l'Europa deve cambiare rotta.

Ma deve cambiare anche meta. Quest'Europa non funziona così come è stata congegnata. No, non fraintendete. La soluzione non è uscire dall'Europa, ma entrare finalmente in Europa.


Non sto pazziando. La soluzione non è barricarsi negli Stati nazionali, sognare l'autarchia e gridare l'antieuropa.


La vera scommessa è invece rifare l'Europa sul serio, ovvero fondarla come soggetto politico, militare, sociale, culturale coeso rispetto all'esterno e libero al suo interno. Il contrario di quel che è oggi l'Europa, un continente di latta rispetto all'esterno e una caserma di piombo rispetto ai suoi popoli e ai suoi cittadini.


L'Unione europea di oggi è incapace di una sua politica estera, di una politica protettiva rispetto all'esterno, anche protezionistica, se occorre; è incapace di una politica unitaria davanti all'immigrazione, è fragile e divisa rispetto alle crisi internazionali e alle turbolenze mediterranee; è incapace di sfidare l'egemonia statunitense, di arginare l'offensiva cinese, di frenare la minaccia islamica e di riconoscere la sua matrice mediterranea; è priva di una sua forza militare unita, è senza un governo politico eletto dai cittadini, magari dopo un referendum costitutivo del sovrano popolo europeo, dimentica le sue radici e la sua civiltà.


In compenso è oppressiva al suo interno mediante i diktat agli Stati, i rigidi parametri e le tirannie economico-finanziarie; è un'Europa ferocemente astratta, come la finanza speculativa, preoccupata della contabilità e non della vita reale dei popoli e delle famiglie. Il razzismo imperante si chiama rating, come le omonime agenzie.


Quest'Europa è complice e succube del colpo di stato contro i popoli europei, ben documentato da Luciano Gallino nel suo libro omonimo uscito in questi giorni.


Patisce il debito sovrano, l'unica sovranità che riconosce e che coincide con la sua schiavitù.


 Non crediamo ai complotti, come ora scrive perfino la Repubblica, ma vorremmo credere all'Europa, non ai suoi spettri.


 C'erano due modi di fare l'Europa: uno era concepirla come dis-integrazione delle patrie e degli Stati nazionali, l'altro era intenderla come integrazione delle patrie e degli Stati nazionali. Il primo nasceva come domanda di globalizzazione e gradino verso di essa, il secondo sorgeva come risposta alla globalizzazione e argine rispetto a essa.


Si scelse la prima via e questi sono i risultati.


Oggi ci vorrebbe un movimento non anti-europeo, ma pro-Europa, passando dai popoli, gli Stati e le patrie e non contro i popoli, gli Stati e le patrie.


La nostra Europa, libera dentro i suoi assetti e unita rispetto al mondo.


Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I pi¨ letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext