Pił vanno in tv e pił li detestano

11/5/2012 Di Marcello Veneziani per il Giornale

Gli italiani non sopportano più "quelli che vanno in televisione". Non quelli che la fanno, ma quelli che ci vanno spesso

Cari spettatori allergia, allergia, direbbe oggi un nuovo Mike Bonanotte. Gli italiani non sopportano più «quelli che vanno in televisione». Non quelli che la fanno, ma quelli che ci vanno spesso.

In primis i politici, poi gli ospiti fissi, intellettuali inclusi. La popolarità da video è un vistoso titolo di demerito e di squalifica, è come se fosse sovrimpresso sulla loro fronte un timbro del tipo: scaduto, già visto, usurato, nunsereggepiù.


L'indice di notorietà televisiva è inversamente proporzionale all'indice di gradimento. Più ci vai meno piaci.

Vai in tv? Allora dimettiti. Il telegenocidio non risparmia nessuno, da Monti in giù e incrina pure Napolitano. Grillo l'ha capita, tanti anni fa la fiutò Bossi. Alcuni personaggi oracolari persero la loro aura quando scesero nel pollaio dei talk show. I presenti hanno sempre torto.

Quel che viene definita l'antipolitica si compone in realtà di due facce: l'antipotere e l'antitv.L'avversione degli italiani non si limita infatti ai politici, ma si estende a chi detiene il potere senza essere politico, dai tecnici ai banchieri e i supermanager, da Monti a Befera, il direttore delle Entrate. Chi va in tv dà la faccia al presente disastro, diventa l'indossatore della collezione autunno-inferno della Repubblica.

Il consiglio a loro è la ritirata, via via sfumando fino alla clandestinità. E si aprano nel Paese le selezioni per una classe dirigente mai vista.

Alla fine il consiglio ai teleusurati e l'invettiva contro di loro coincidono e si compendiano in una sola parola: SPARITE.


Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I pił letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext