Gli intellettuali sono finiti all'inferno

Marcello Veneziani - Mar, 08/10/2013 - Il Giornale

 

E in tutta questa bolgia di crolli e sciagure, dove sono finiti gli intellettuali, un tempo guide, ispirati e ispiratori? Sono finiti all'inferno, divisi in gironi.


Nel girone dei permalosi ci sono i Cattivi Maestri, come quelli che soffiano sul fuoco della violenza e della rivolta antiTav, antiCav, antitutto, come ai bei tempi di Lotta continua o malgrado il loro pensiero debole.


Nel girone dei plagiatori ci sono quelli che copiano intere pagine altrui ma nessuno li scalfisce perché sono patrimonio della Repubblica e passano per guru in veste di filosofi, letterati e predicatori.


Nel girone dei falsari ci sono gli accademici che fanno i concorsi truffa per nominare i professori fuffa e premiare i testi muffa, e sono tanti nelle università, nei premi letterari, nelle redazioni, perfino tra i saggi della Repubblica.


Nel girone dei presuntuosi, ci sono i palloni gonfiati, i monumenti viventi della cultura che scrivono banalità ma passano per classici, che a ogni starnuto, devotamente rilegato e recensito, vengono scambiati per Dante, Platone o Leonardo.


Vi risparmio i gironi affollati dei faziosi atavici, dei cortigiani organici, degli invidiosi cronici, dei vanitosi frivoli, degli autocertificatori di nullità che reputano superfluo il loro stesso ruolo d'intellettuali...


Non è solo colpa dell'ignoranza saccente, della tv demente e della volgarità di massa se gli intellettuali rispecchiano il vuoto cinico dei tempi. Ci sono troppe teste in giro che ci fanno rivalutare i piedi, le natiche e le zampe.


Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I più letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext