Ma poi, s.Francesco era davvero il cicciobello che dicono? (2)

4/10/2013 papalepapale.it

 

LA POVERTÀ SECONDO FRANCESCO, NON È QUELLA CHE S'IMMAGINANO LE IDEOLOGIE



Leonardo Boff. Che da francescano inventò la criminale Teologia della Liberazione. Tradendo Francesco.


Cominciamo con il sottolineare un punto fermo: la povertà a cui sorride Francesco è quella verso se stesso, ossia "morire a se stesso", una netta conversione dal ciò che era al ciò che divenne: sempre più "conforme al Cristo". La povertà di Francesco è la radicalità: "Non sono più io che vivo, ma Cristo vive in me". Francesco si spoglia di tutto letteralmente, per lasciarsi vestire da Cristo in tutto. La sua radicalità è talmente eccessiva che non può impedire ai suoi le collette, o l'elemosina, per mangiare almeno un tozzo di pane. La povertà evangelica di Francesco è una penitenza continua.


E attenzione, come dicevamo sopra, a differenza di altri movimenti che inseguivano la povertà come scopo, per Francesco la povertà non è lo scopo della sua missione, nè della sua vocazione, ma un mezzo, e questo mezzo è la sua penitenza che si esprime nella spoliazione totale. Francesco comprende che senza radicalità non può essere un degno testimone di ciò che va predicando all'interno di un mondo corrotto: il suo fine dunque, è Cristo Crocefisso e Risorto; il suo scopo è testimoniare la radicalità della povertà (intesa anche in quel "morire a se stessi") per convertire a Cristo. Inoltre, come si accennava, c'era il problema dell'eresia catara-albigese, i cosiddetti "puri" per i quali c'era bisogno di essere autentici testimoni per dimostrare loro che avevano torto.


Lo scopo di Francesco è raggiungere Cristo passando per la cosa più semplice che sente di fare meglio: vivere quella povertà come stile di vita PER AMORE di Cristo e non come impeto di una moda del momento, non come ideologia. Il suo "piacere" non gli viene certo dalle privazioni in sè che sono per lui una vera sofferenza, una continua penitenza, ma da ciò che la privazione e tale sofferenza provoca nel suo cuore, facendolo sentire libero, totalmente, libero non di fare ciò che vuole, ma libero di andare verso Cristo, senza pesi, libero di aderire con questi sentimenti alla Chiesa e di sentirsi accolto, compreso dal "Signor Papa" al quale rimette a giudizio ciò che ritiene essere un "buon progetto".


Tale povertà è così radicale per "contrastare lì piaceri dello mondo", che san Francesco la invoca affettuosamente come "sposa": rappresenta, quindi, una convivenza nuziale, una compagna per la vita, uno stile di vita che potesse convincere la gente che la povertà non è l'origine dei mali che affliggevano le popolazioni del suo tempo. Era semmai la schiavitù delle ricchezze, la schiavitù del possesso, la schiavitù del peccato a condurre verso una vita infelice ed inquieta, mentre la povertà evangelica, che non era altro che vivere da persone semplici e "povere di spirito", arricchiva e donava il centuplo perchè, spiegava Francesco, "sollecita la Divina Provvidenza a farsi prodiga, in tutto". Esisteva, pertanto, ed esiste la povertà dignitosa, una dignità nell'essere povero... che produce "valori salvifici", produce frutti.


Attenzione a non confondere la povertà evangelica predicata e vissuta da Francesco con la miseria e la fame, causate dalla schiavitù del vizio e del peccato: non era questo che egli intendeva per povertà da "sposare". Non a caso, nella regola definitiva, Francesco spiega ai suoi frati in modo chiaro e inequivocabile il suo concetto di povertà, quali ne siano i fondamenti e quali i valori salvifici: "I frati non si approprino di niente, né casa, né luogo, né cosa alcuna. E come pellegrini e forestieri, servendo in questo mondo al Signore in povertà e umiltà, vadano per elemosina con confidenza; e non sta bene che si vergognino, perché il Signore per amor nostro si fece povero in questo mondo. Questa è la vetta sublime di quell'altissima povertà, che ha fatto voi, fratelli carissimi, eredi e re del regno dei cieli, e, rendendovi poveri di sostanze, vi ha arricchito di virtù. Questa sia la vostra porzione che conduce nella terra dei viventi. E a essa, fratelli dilettissimi, totalmente stando uniti, nient'altro mai dovete, per il nome del Signor Nostro Gesù Cristo, cercare di possedere sotto il cielo".


La radicalità di Francesco è chiara: Gesù si fece povero in questo mondo, ma non andava chiedendo l'elemosina materiale, piuttosto "mendicava cuori da convertire, mendicava anime e non disdiceva l'offerta di un pasto o di un invito a Nozze...". Ecco allora che Francesco sente la necessità di andare oltre e per amore del Signore, che si fece umile e povero, è necessario che ci spogliamo di ogni vanità (appropriarsi di case e cose), per testimoniare l'amore totale a Lui. Non dobbiamo vergognarci di chiedere perché, chiedendo, sollecitiamo gli altri alla carità in nome di Cristo, questo è lo scopo di Francesco. Per lui il povero è un dono e, di conseguenza, egli si fa dono al prossimo.


Nel sontuoso inno Veni Creator, la Chiesa canta: "Vieni, Padre dei poveri". Francesco dà prova di conoscere le Scritture e conosce i due concetti di povertà biblica: quella effettiva e quella spirituale; sa che quei due concetti sono inseparabili e che può viverli entrambi arricchendoli vicendevolmente e ottenendo da Dio ogni favore.


Diceva santa Teresa del Bambin Gesù: "La santità non consiste in tale o tal'altra pratica, bensì consiste in una disposizione del cuore che ci rende umili e piccoli nelle braccia di Dio, consci della nostra debolezza e fiduciosi fino all'impudenza nella sua bontà di Padre....Quello che piace (al Buon Dio) nella mia anima, è il vedermi amare la mia piccolezza e povertà, è la cieca speranza che ho nella sua misericordia e nella sua provvidenza...Non temere; rinuncia a tutto ciò che puoi, perchè più sarai povero e più sarai amato da Gesù."


QUINDI, DOVE DIAVOLO STA QUESTO FRANCESCO "MARXISTA"? PER TACER DI QUELLO "PACIFISTA"


Una "pace" falsa e bugiarda, che si è inventata un Francesco altrettanto falso e bugiardo


Nulla a che vedere con lo schema marxista!


Visto che a proposito ha parlato il papa, lasciamo dire a lui direttamente. Spiega, infatti, Benedetto XVI nella Deus Caritas Est, la sua prima enciclica:


"Il marxismo aveva indicato nella rivoluzione mondiale e nella sua preparazione la panacea per la problematica sociale: attraverso la rivoluzione e la conseguente collettivizzazione dei mezzi di produzione - si asseriva in tale dottrina - doveva improvvisamente andare tutto in modo diverso e migliore. Questo sogno è svanito. Nella situazione difficile nella quale oggi ci troviamo anche a causa della globalizzazione dell'economia, la Dottrina Sociale della Chiesa è diventata un'indicazione fondamentale, che propone orientamenti validi ben al di là dei confini di essa [...]

L'attività caritativa cristiana deve essere indipendente da partiti ed ideologie. Non è un mezzo per cambiare il mondo in modo ideologico e non sta al servizio di strategie mondane, ma è attualizzazione qui ed ora dell'amore di cui l'uomo ha sempre bisogno [...]

Il programma di Gesù è « un cuore che vede ». Questo cuore vede dove c'è bisogno di amore e agisce in modo conseguente [...] La carità, inoltre, non deve essere un mezzo in funzione di ciò che oggi viene indicato come proselitismo. L'amore è gratuito; non viene esercitato per raggiungere altri scopi. Ma questo non significa che l'azione caritativa debba, per così dire, lasciare Dio e Cristo da parte. È in gioco sempre tutto l'uomo. Spesso è proprio l'assenza di Dio la radice più profonda della sofferenza [...]

È venuto il momento di riaffermare l'importanza della preghiera di fronte all'attivismo e all'incombente secolarismo di molti cristiani impegnati nel lavoro caritativo. Ovviamente, il cristiano che prega non pretende di cambiare i piani di Dio o di correggere quanto Dio ha previsto. Egli cerca piuttosto l'incontro con il Padre di Gesù Cristo, chiedendo che Egli sia presente con il conforto del suo Spirito in lui e nella sua opera [...]

Fede, speranza e carità vanno insieme. La speranza si articola praticamente nella virtù della pazienza, che non vien meno nel bene neanche di fronte all'apparente insuccesso, ed in quella dell'umiltà, che accetta il mistero di Dio e si fida di Lui anche nell'oscurità".


Nulla a che vedere con il pacifismo, dunque: il suo stile di vita è sofferenza e penitenza, ma con "Laude e gaudio". San Francesco, come Gesù, era pacifico, ma non lesinava parole severe, come abbiamo potuto leggere sopra, quando c'era da predicare la Salvezza al prossimo. Non imponeva a nessuno il suo stile di vita, ma la sua testimonianza personale conduceva gli altri a seguirlo, come, del resto, avveniva per tutti i grandi santi Fondatori e Fondatrici della Chiesa.


AVETE CAPITO MALE: L'INDULGENZA RIGUARDAVA LA PENA NON L'ASSOLUZIONE DEI PECCATI...



Curiosa espressione di papa Onorio III mentre ascolta interessato questo fraticello sui generis: Francesco l'assisiate


Chi è il vero san Francesco? in cosa è l'immagine per antonomasia dell'ortodossia portata allo zelo estremo?


Il vero san Francesco, oggi, a mio parere, lo ritroviamo nel "Perdono di Assisi" dove ritengo sia racchiuso tutto il suo essere e il suo pensiero.


Illuminante, in tal senso, è l'opuscolo che nel 2005 Benedetto XVI ha dedicato proprio a questo "Perdono d' Assisi", riproponendo, per altro, la sua stessa esperienza.


"Voglio mandarvi tutti in Paradiso": in questa affermazione si trova il vero san Francesco, con tutto quello che, naturalmente, comporta perché in Paradiso non si va se non per la via stretta dell'ortodossia dei Comandamenti - tutti: nessuno è escluso - che è la via "ordinaria". Non ci si va senza penitenza, non ci si va se non si è "poveri" bisognosi del Perdono, della misericordia di Dio...


Possiamo citare brevemente il passo dalle Fonti:


(FF 3391-3397): «Insieme ai vescovi dell'Umbria, al popolo convenuto alla Porziuncola, Francesco disse tra le lacrime: "Fratelli miei, voglio mandarvi tutti in paradiso!"». Poco prima, il santo si era recato dal papa Onorio III, che in quei giorni si trovava a Perugia, per chiedergli il privilegio dell'indulgenza plenaria per tutti coloro che in stato di grazia, nel giorno del 2 agosto, avrebbero visitato questa chiesetta, dove egli viveva in povertà, aveva accolto s. Chiara, fondato l'Ordine dei Minori per poi inviarli nel mondo come messaggeri di pace. Alla domanda del Papa: «Francesco, per quanti anni vuoi questa indulgenza?», il santo rispose: «Padre Santo, non domando anni, ma anime». E felice si avviò verso la porta, ma il Pontefice lo chiamò: «Come, non vuoi nessun documento?». E Francesco: «Santo Padre, a me basta la vostra parola! Se questa indulgenza è opera di Dio, egli penserà a manifestare l'opera sua; io non ho bisogno di alcun documento; questa carta deve essere la Santissima Vergine Maria, Cristo il notaio e gli Angeli i testimoni».



BENEDETTO XVI: QUELLA PREGHIERA CHE SAPEVO CERTAMENTE ESAUDITA

Un successore di Onorio III, Benedetto XVI spiega ad Assisi di nuovo "alli boni frati" chi era il Fondatore che hanno sfigurato


Racconta il papa Benedetto XVI, in un passo molto significativo perchè parla anche di se stesso:


"Qui devo aggiungere che nel corso del tempo l'indulgenza, in un primo momento riservata solo al luogo della Porziuncola, fu poi estesa prima a tutte le chiese francescane e, infine, a tutte le chiese parrocchiali per il 2 agosto. Nei ricordi della mia giovinezza il giorno del perdono d'Assisi è rimasto come un giorno di grande interiorità, come un giorno in cui si ricevevano i sacramenti in un clima di raccoglimento personale, come un giorno di preghiera. Nella piazza antistante la nostra chiesa parrocchiale in quel giorno regnava un silenzio particolarmente solenne. Entravano e uscivano in continuazione persone dalla chiesa. Si sentiva che il cristianesimo è grazia e che questa si dischiude nella preghiera. Indipendentemente da ogni teoria sull'indulgenza (qui vi suggeriamo di leggere il testo integralmente perché spiega altre cose interessanti), era quello un giorno di fede e di silenziosa speranza, di una preghiera che si sapeva certamente esaudita e che valeva soprattutto per i defunti..."


Che cosa è stato portato alle estreme conseguenze?


Non è semplice racchiudere una risposta esauriente in poche righe e, in parte, quello che occorre dire è stato spiegato nella prima parte dell'articolo [vedi nella home la Parte 1]: la trasformazione di un "santo" in una una sorta di "mito, decattolicizzandolo" è già una risposta coraggiosa.


Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I più letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext