DALL'ARCHIVIO - Moneta, Banca e Libero Mercato - PARTE 1

di Murray N. Rothbard - www.rothbard.it

 

I parte - Riprendiamoci la moneta


 

La moneta ha un ruolo centrale in ogni economia di libero mercato e in ogni società che si basi su una rete di scambi volontari. Questi scambi implicano infatti una divisione sociale del lavoro, grazie alla quale i produttori di uova, chiodi, cavalli, legname o servizi immateriali come l'insegnamento, le cure mediche e i concerti scambiano i propri beni con quelli degli altri.


Ogni passaggio di questo processo beneficia immensamente ciascun partecipante, perché se tutti fossero costretti ad essere autosufficienti il tenore di vita dei pochi sopravvissuti crollerebbe a livelli miserabili. Lo scambio diretto di beni e servizi, detto anche baratto, non ha alcuna speranza di superare il più primitivo livello di produttività. Infatti ogni tribù primitiva prima o poi arriva a scoprire, a proprio modo, quanto sia incredibilmente vantaggioso utilizzare nel mercato una merce particolarmente commerciabile, da tutti richiesta, come "mezzo di scambio indiretto".


Quando una merce particolare viene usata diffusamente dalla società come mezzo di scambio assume il nome di moneta. La moneta-merce diventa uno dei due termini in ogni singolo scambio degli innumerevoli che si realizzano nell'economia di mercato. Io vendo i miei servizi di insegnante in cambio di denaro; uso quel denaro per acquistare alimenti, macchine da scrivere o sistemazioni di viaggio; questi produttori a loro volta usano il denaro per pagare i dipendenti, i macchinari, le scorte e l'affitto delle sedi. Da qui l'onnipresente tentazione per uno o più gruppi di assumere il controllo di questa vitale funzione di offerta monetaria.


Molti utili beni sono stati scelti come moneta nelle società umane: il sale in Africa, lo zucchero nei Caraibi, il pesce nelle colonie del New England, il tabacco nella colonia della regione della Baia Chesapeake, conchiglie, utensili di ferro e diverse altre merci. Queste monete non servono solo come mezzi di scambio, ma permettono anche agli individui e alle imprese di affrontare il calcolo economico necessario in ogni economia avanzata. Le monete vengono scambiate e conteggiate in termini di unità monetaria, quasi sempre legata al peso. Il tabacco, ad esempio, veniva conteggiato in libbre, e i prezzi degli altri beni e servizi potevano essere rappresentati in termini di libbre di tabacco: un certo cavallo ad esempio poteva valere sul mercato 80 libbre. Un'impresa commerciale può così calcolare le perdite e i profitti del mese precedente, raffigurandosi che i ricavi siano stati di 1000 libbre e le spese di 800 libbre, con un utile di 200 libbre.


Oro o cartamoneta statalE


Nel corso della storia due metalli preziosi sono riusciti a sbaragliare la concorrenza di tutti gli altri beni, venendo preferiti come moneta: l'oro e l'argento (con il rame che subentrava in caso di loro indisponibilità). L'oro e l'argento abbondavano di quelle che noi possiamo chiamare qualità "monetabili", che li rendevano superiori ad ogni altra merce. La loro offerta è infatti abbastanza rara da mantenere il loro valore stabilmente alto per unità di peso; grazie a questa caratteristica i pezzi d'oro e d'argento sono facilmente trasportabili e utilizzabili nelle transazioni giornaliere; sono inoltre abbastanza rari da rendere poco probabili improvvise scoperte o aumenti dell'offerta.


Sono così durevoli da conservarsi virtualmente per sempre, e in questo modo forniscono una saggia provvista di valore per il futuro. Inoltre l'oro e l'argento sono divisibili, potendosi ridurre in piccoli pezzi senza perdite di valore; e diversamente dai diamanti sono omogenei, cosicché un'oncia d'oro avrà lo stesso valore di ogni altra oncia d'oro.


L'antico e universale uso monetario dell'oro e dell'argento venne rilevato dal primo grande teorico della moneta, l'eminente scolastico del Tredicesimo secolo Giovanni Buridano, e successivamente in tutte le discussioni sulla moneta e in tutti i libri di testo sui fenomeni monetari e bancari, fino a quando i governi occidentali abolirono lo standard aureo negli anni Trenta del ventesimo secolo. Franklin Delano Roosevelt si unì a questa pratica facendo uscire gli Stati Uniti dal gold standard nel 1933.


Non c'è nessun aspetto dell'economia di mercato come l'oro che abbia sofferto di maggior rifiuto e disprezzo da parte dei "moderni" economisti, siano essi keynesiani apertamente statalisti o cosiddetti "liberisti" della Scuola di Chicago. L'oro, considerato fino a poco tempo fa come lo stabile fondamento di ogni sano sistema monetario, viene oggi regolarmente denunciato come un "feticcio" o, nel caso di Keynes, come un "relitto barbarico".


 È vero: in un certo senso l'oro è un "relitto" della barbarie, dato che nessun "barbaro" avrebbe mai accettato, in cambio del suo prezioso sale, dei pezzi di carta o delle banconote fasulle che i sofisticati uomini moderni sono stati indotti ad usare come moneta.  Noi "maniaci dell'oro" non siamo neanche dei feticisti, non avendo niente in comune con l'immagine standardizzata degli avari che immergono le mani nei mucchi di monete d'oro sonanti ridacchiando sinistramente. L'aspetto grandioso dell'oro è invece quello di essere la sola e unica moneta prodotta dall'attività delle persone nel mercato. La scelta principale che sta di fronte a noi è infatti sempre quella tra l'oro (o l'argento), oppure lo Stato. L'oro è una moneta di mercato, un bene che deve essere prodotto estraendolo dalla terra e poi lavorandolo; il governo, al contrario, produce cartamoneta dal nulla virtualmente a costo zero.


Noi sappiamo benissimo che ogni operazione del governo è caratterizzata da sprechi e inefficienze, e serve gli interessi dei burocrati invece di quelli dei consumatori. Preferiamo che le scarpe siano prodotte da imprese private in concorrenza sul libero mercato, o da un gigantesco monopolio governativo? Anche la funzione dell'offerta di moneta non può in alcun modo essere gestita meglio dal governo. In questo caso tuttavia la questione è molto più grave che per le scarpe od ogni altro bene. Se il governo produce scarpe, mal che vada la gente le calzerà anche se costose, malfatte o non corrispondenti ai desideri dei consumatori.


La moneta è tuttavia diversa da tutte le altre merci: a parità di condizioni, più scarpe o maggiori scoperte di petrolio o rame beneficiano la società, perché aiutano ad alleviare la naturale scarsità. Ma una volta che una merce si è affermata come moneta sul mercato, non c'è affatto bisogno di più moneta. Dato che la moneta serve solo come mezzo di scambio e di conto, una maggiore quantità di dollari, sterline o marchi in circolazione non può conferire un beneficio sociale: semplicemente diluiranno il valore di scambio di ogni dollaro, sterlina o marco esistente.


 È quindi una gran fortuna che l'oro o l'argento siano scarsi, e che incrementare la loro quantità sia un processo costoso.


Se tuttavia il governo riesce a imporre come denaro la cartamoneta o le banconote, come equivalenti di once o grammi d'oro, allora come fornitore di moneta dominante avrà la possibilità di produrre denaro senza costo e a volontà. L'inflazione dell'offerta di moneta così generata ha come effetto quello di distruggere il valore del dollaro o della sterlina, di far aumentare i prezzi, di inceppare il calcolo economico, di impastoiare e danneggiare seriamente il funzionamento dell'economia di mercato.


La tendenza naturale del governo, una volta diventato padrone della moneta, è quella di inflazionare e distruggere il valore della valuta. Per comprendere questa verità dobbiamo esaminare prima la natura dello Stato e dell'attività di creazione della moneta.


Per comprendere questa verità dobbiamo esaminare prima la natura dello  Stato e dell'attività di creazione della moneta. Nel corso della storia i governi sono stati cronicamente a corro di entrate. La ragione dovrebbe essere chiara: diversamente da me e te, il governo non produce beni o servizi utili da vendere sul mercato, ma vive in maniera parassitaria su quanto prodotto dalla società e dal mercato.


Diversamente da ogni altra persona o istituzione della società, il governo ottiene le proprie entrate per mezzo della tassazione coercitiva. In tempi più antichi e sani, il re riusciva a procurarsi entrate sufficienti con le rendite delle proprie terre e foreste private, e con i pedaggi. Allo Stato occorsero secoli di lotta per ottenere una tassazione regolare in tempo di pace. E anche una volta stabilita la tassazione, i re si rendevano conto di non poter facilmente imporre nuove tasse o aumentare le tasse esistenti, perché rischiavano di far esplodere una rivoluzione.


Il controllo dell'offerta di denaro


Se i proventi della tassazione sono cronicamente inferiori allo stile di spesa desiderato dai membri dello Stato, come procurarsi il sovrappiù? Assumendo il controllo dell'offerta di denaro o, detta brutalmente, mediante la contraffazione. Nell'economia di mercato possiamo ottenere moneta sana solo vendendo un bene o un servizio in cambio di denaro, o ricevendolo in regalo; l'unico altro modo per ottenere denaro è quello di intraprendere il costoso processo di estrazione dell'oro dal suolo. Il falsario, al contrario, è un ladro che cerca di far soldi con la frode, ad esempio pitturando un pezzo d'ottone in modo da farlo sembrare una moneta d'oro.


Se la contraffazione viene scoperta immediatamente non produce alcun danno reale, ma in caso contrario il falsario non deruba solo i produttori dei beni che compra. Introducendo denaro fasullo nell'economia, il falsario deruba tutti i possessori di denaro di una parte del loro potere d'acquisto. Diluendo il valore di ciascuna oncia o dollaro di moneta genuina, il furto del falsario è molto più sinistro e sovversivo relazione di causa-effetto.


Recentemente abbiamo letto questo preoccupante titolo sui giornali: "Il governo iraniano cerca di distruggere l'economia americana falsificando i biglietti da cento dollari". Che gli ayatollah abbiano veramente questo grandioso piano in mente è dubbio; i falsari non hanno certo bisogno di argomenti tanto sensazionali per appropriarsi di ricchezze stampando denaro. Tutte le falsificazioni di denaro sono infatti sovversive, distruttive e inflazionistiche.


Come dovremmo allora giudicare il governo che si impadronisce del controllo della moneta, abolisce la moneta aurea e stabilisce che i propri biglietti stampati rappresentino l'unico denaro legale? In altre parole, cosa dovremmo dire quando il governo diventa il monopolista legalizzato della falsificazione? Non solo la falsificazione è scoperta, ma il Grande Falsario, che negli Stati Uniti è la Federal  Reserve, invece di essere vituperato come un ladro e un distruttore su vasta scala, viene elogiato e celebrato


Non solo la falsificazione è scoperta, ma il Grande Falsario, che negli Stati Uniti è la Federal  Reserve, invece di essere vituperato come un ladro e un distruttore su vasta scala, viene elogiato e celebrato come un saggio manipolatore e governante della nostra "macroeconomia", come l'istituzione alla quale dobbiamo affidarci per scongiurare recessioni e inflazioni, e per la determinazione dei tassi d'interesse, del costo del denaro e del livello d'occupazione. Invece di essere abitualmente bersagliato con pomodori e uova marce, il presidente della Federal Reserve, sia egli l'imponente Paul Volcker o il solenne Alan Greenspan, viene universalmente acclamato come l'Uomo Indispensabile al sistema economico e finanziario.


Il modo migliore per penetrare nei misteri del moderno sistema monetario e bancario è infatti quello di rendersi conto che il governo e la sua banca centrale agiscono esattamente come Grandi Falsari, con effetti sociali ed economici del tutto simili. Molti anni fa la rivista New Yorker, ai tempi in cui le vignette erano ancora divertenti, ne pubblicò una in cui un gruppo di falsari osservava avidamente la stampatrice dalla quale stava uscendo il primo biglietto da 10 dollari. "Ragazzi", diceva uno della banda, "grazie alla nostra attività gli affari dei negozi del vicinato avranno un sicuro incremento".


Ed è proprio così. Quando i falsari spendono nuovo denaro (in beni di consumo oppure, nel caso del governo, in prestiti e altre misure di spesa destinate al "benessere comune") avvantaggiano sempre coloro presso i quali lo consumano. Ma la prosperità risultante è fasulla; tutto quello che succede è che più denaro si contende la stessa quantità di risorse esistenti, e i prezzi salgono. Perdipiù i falsari e i primi percettori del denaro stampato di fresco tolgono risorse ai poveracci che si trovano alla fine della catena dei percettori del nuovo denaro, o che non lo riceveranno mai. Immettere del nuovo denaro nell'economia produce inevitabilmente delle gravi ripercussioni: i primi che lo ricevono ne spendono di più e alzano i prezzi, mentre coloro che lo ricevono tardi o che dispongono di redditi fissi si accorgono che i prezzi dei beni che hanno necessità di acquistare sono cresciuti, mentre i loro redditi sono rimasti indietro o uguali.


 L'inflazione monetaria, in altre parole, non solo fa alzare i prezzi distruggendo il valore dell'unità valutaria, ma agisce anche come un gigantesco sistema di espropriazione a beneficio dei falsari e di coloro che ricevono per primi il denaro appena stampato, a danno di chi riceve il nuovo denaro più tardi. L'espansione monetaria è quindi un massiccio schema redistributivo mascherato.


Quando il falsario è statale non c'è neanche  bisogno di scoprire chi abbia messo in atto il processo di contraffazione; il governo si proclama infatti apertamente come manipolatore della moneta per il bene comune. L'espansione monetaria diventa allora un gigantesco sistema di tassazione occulta che colpisce i gruppi a reddito fisso, quelli che non beneficiano dei sussidi statali, e i frugali risparmiatori che sono stati così ingenui e fiduciosi da tenere il denaro sotto il materasso, confidando nella stabilità de valore della valuta.


Così facendo, il governo incoraggia a spendere e a far debiti, mentre il risparmio e il duro lavoro vengono scoraggiati e penalizzati. E non è tutto: i gruppi particolari che beneficiano della creazione di nuova moneta sono quelli politicamente vicini al governo, in grado di esercitare pressioni affinché il denaro fresco di stampa venga speso a loro favore, in modo che i loro redditi crescano più velocemente dell'inflazione. I contraenti del governo, le imprese ammanicate col potere, i sindacati e altri gruppi di pressione

guadagneranno a spese del pubblico ignaro e disorganizzato.


Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I più letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext