Ma non era più bella l'estate del '67

Marcello Veneziani - Dom, 18/08/2013 - Il Giornale

 

No, non era più bella l'estate del '67, come suggeriscono le tante rievocazioni del passato.


Il viaggio in Seicento coi deflettori e le portelle controvento, la macchina carica di valigie e di fratelli, il caldo, i finestrini abbassati e noi sporgenti a godere il vento.



Non era più bello il mare pieno di bambini, tegami e salvagenti, le canzoni fesse di quegli anni - Bobby Solo e la Cinquetti -, le sere al balcone a cercare il fresco e godere la penombra, la sete sedata con l'acqua della fontana, i coni da 30 lire, 50 con la panna.


Non erano più belli i balli col mangiadischi, le luci spente per stringere il corpo delle ragazze, la meraviglia di far tardi fino a sfiorare addirittura mezzanotte.


Non era più bello sudare al pallone per le strade, scappare quando arrivano le guardie, la gita in campagna a rubare i fichi e i gelsi, i pomeriggi esausti a far controra a letto in cerca del lenzuolo più fresco, le voci delle zie nel tinello.


Non era più bella l'estate del '67 o di un altro anno, erano più belli i nostri occhi.


Limpidi, non ancora miopi non ancora presbiti né stanchi.


Era bello come vedevano quegli occhi, non cosa vedevano.


L'incanto dell'infanzia che si scopre poi adolescenza, i primi peli, i primi baci, la prima goccia bianca.


 


L'estate festeggiava i corpi.


È bella la magia del passato perché aveva tutto davanti e niente dietro, tutti vivi i nostri cari, e giovani.


Non rimpiangi la Seicento, l'acqua della fontana, le sere ingenue, le sudate.



Hai nostalgia dei tuoi occhi carichi di vita, pieni di futuro.


Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I più letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext