Verso la Bancarotta: Import in Tracollo Verticale, il Mercato Italiano Ŕ Morto (colpa degli Evasori Fiscali e del Contante)

22/4/2012 di FunnyKing per Rischiocalcolato.it

Il Diario della Bancarotta Italiana

Per colpa dei biechi Evasori Fiscali Italiani e dello sconsiderato uso del contante (ehi Vispa Milena, sei connessa?), il consumatore italiano è ufficialmente morto. 

Signore e signori vi presentiamo la simpatica: Stima preliminare del commercio estero con i paesi extra Ue (fonte: Istat)

A marzo 2012 si rileva un incremento del 4,0% rispetto al mese precedente per le esportazioni, mentre le importazioni registrano una diminuzione dell'1,5%.

L'aumento congiunturale dell'export è diffuso a tutti i principali raggruppamenti di beni, esclusi i beni di consumo non durevoli (-1,1%), ed è particolarmente sostenuto per l'energia (+39,7%). Dal lato dell'import la flessione interessa i beni di consumo (-9,9%) e i prodotti intermedi (-1,7%), mentre crescono i beni strumentali (+4,1%) e l'energia (+1,4%).

Nell'ultimo trimestre la crescita congiunturale delle esportazioni (+2,4%) interessa soprattutto l'energia (+39,2%) e, in misura molto meno intensa, i beni di consumo durevoli (+1,1%) e i prodotti intermedi (+0,9%). Anche la crescita delle importazioni (+0,8%) è dovuta principalmente all'energia (+10,0%).

Rispetto a marzo 2011, l'aumento delle esportazioni (+12,3%) coinvolge tutti i principali comparti, con un tasso di crescita ampiamente superiore alla media per l'energia (+46,6%). Le importazioni registrano una flessione tendenziale del 10,2% che riguarda tutti i principali raggruppamenti, ad eccezione dell'energia (+8,6%). Gli acquisti di prodotti intermedi (-26,5%) presentano un decremento particolarmente sostenuto.

A marzo 2012 la bilancia commerciale registra un attivo di 495 milioni di euro, in netto miglioramento rispetto al disavanzo di marzo 2011 (-3.064 milioni). A fronte di un ampliamento del deficit energetico su base annua, da 5.393 a 5.522 milioni di euro, il surplus complessivo è determinato dalla rilevante espansione dell'avanzo nell'interscambio di prodotti non energetici, che passa da 2.329 a 6.016 milioni.

I mercati più dinamici all'export sono: OPEC (+32,1%), Mercosur (+29,6%), Stati Uniti (+23,5%), EDA (+14,4%) e Giappone (+12,4%). Le vendite verso la Cina, invece, sono in marcata flessione (-12,3%).

La riduzione delle importazioni è sostenuta per gli acquisti di beni provenienti da: Cina (-33,3%), Giappone (-31,5%), India (-30,4%), EDA (-28,9%) e Mercosur (-16,7%). Le importazioni risultano in crescita dalla Russia (+13,6%), dagli Stati Uniti (+7,0%) e dai paesi OPEC (+5,5%).


Ehm avete capito cosa c'è scritto? No?


Ok,ve lo traduco: A Marzo 2012 il consumatore italiano è ufficialmente morto.


L'Istat ha diffuso oggi il dato della bilancia commercial extra-UE di Marzo. Spicca il dato delle importazioni, calate del 10,2% rispetto al Marzo del 2012. Depurando il dato dalla componente energetica il calo arriva ad un'incredibile -20,9% (prodotti non energetici), che equivale ad un calo dell'ordine del 25% in termini di volumi. 

Avete capito bene: -25% !!!! Dati da periodo di Guerra, e non da depressione.


Ergo: gli Italiani non consumano e non investono piu', non hanno quattrini disponibili.


E indovinate da dove viene il tracollo: Cina (-33,3%), Giappone (-31,5%), India (-30,4%), EDA (-28,9%) e Mercosur (-16,7%). Mentre sono in aumento le imporatzioni da paesi che ci vendono energia (anche gli Stati Uniti con i prodotti distillati) Russia (+13,6%), dagli Stati Uniti (+7,0%) e dai paesi OPEC (+5,5%).


Immagino che qualche buontempone esulti. Che bello non compriamo più dai Cinesi e dagli Indiani. Compriamo Italiano!

Purtroppo la verità è un altra (detta in termini tecnici): NON INVESTIAMO ne COMPRIAMO PIU' UN CAZZO! 

Io ho la mia personale spiegazione al fenomeno, non è tanto e solo la crisi e la disoccuopazione, per dirla come la dice spesso quell'idiota e incompetente che abbiamo per Presidente del Consiglio: "i cittadini stanno pianificando le loro decisioni di spesa e investimento sulla base delle

aspettative future"


Giusto le aspettative, la miseria e le tasse che ci hai riservato caro Mr. Monti.

Dunque gli italiani hanno smesso di consumare.... a proposito immaginate che festa sarà l'IVA raccolta da Marzo in poi.

Benvenuti nel magico mondo di Mario Monti (e dei 3 criminali che lo sostengono, Alfano (aka Berlusconi), Bersani e Casini):

Alla fine il sogno dei comunisti si sta avverando, un'equa redistribuzione della miseria tranne che per gli appartenenti della casta.