Pazzi di talento e palloni gonfiati

Marcello Veneziani - Mar, 25/06/2013 - iL gIORNALE

 

Cosa direste di un poeta vivente che pubblicasse un gigantesco «poema totale» intitolato IO con la prefazione entusiastica di Dante Alighieri? Che è pazzo da ricovero urgente.


Invece, se riesci a condividere un granello di pazzia e ti addentri nelle sue pagine, che in appendice ha giudizi lusinghieri su di lui di altri pazzi come Tasso e Ariosto, Leopardi e Petrarca, Shakespeare e via dicendo, ti accorgi che è una gran bell'opera.


Il poeta da slegare si chiama Dante Maffia, e ricorda nelle sue generalità le sommità e gli abissi del nostro Paese: dal Sommo Poeta alla dizione arcaica dell'Onorata Società. Nell'epoca dei palloni gonfiati, Nullità che godono degli Appoggi Giusti - il Gran Giornale, il programma in tv che fa tendenza, i premi di grido, la corte dei critici di slingua e letteratura - fa piacere incontrare pazzi temerari.



Un altro mitomane di talento è Geminello Alvi, economista esoterico che in un altro gran tomo, delirante e reazionario (sono complimenti, non insulti), fonda da solo La Confederazione Italiana, come titola la sua opera uscita con Marsilio.



E poi il filosofo e traduttore Sossio Giametta, che sulle tracce del filosofo pazzo Nietzsche, dedica libri insani ai pazzi filosofi.


L'ultimo suo bel testo è L'oro prezioso dell'essere. E altri ancora, tutti pazzi sin dai dati onomastici e affetti da megalopsichia.


Isolati, poco riconosciuti, controcorrente scrivono monumenti a se stessi, visto che non ci pensano gli adulatori autorizzati. Viva i mitomani genialoidi, abbasso i palloni gonfiati.


Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I più letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext