18 giugno 2013 Il Riempitivo

18/6/2013 Pietrangelo Buttafuoco

 

Hassan Rohani ha vinto le elezioni in Iran. Gli sconfitti hanno riconosciuto l'esito del voto e si sono complimentati con lui.


Nessuno ha abbaiato alla luna degli imbrogli. "Eppure", scrive la mia amica Amani Razie, da Teheran, "le elezioni sono state gestite dal governo di Ahmadinejad. Io mi chiedo come mai oggi nessuno tra i candidati sconfitti e coloro che li hanno votati non solo non dubita né protesta per l'esito sorprendente delle presidenziali 2013, ma si congratula persino con il nuovo presidente?".


 Azzardo una risposta. L'Iran, a differenza dell'Italia, non è affetto da badoglismo.


 Certo, Dio ce ne scampi da certi piritolli che ci sono e fanno felice Shaitan (ce ne sono, altroché), ma ho scoperto un dettaglio della storia iraniana, la cui realtà statuale è antica di cinquecento anni, che mi ha colpito non poco. All'indomani della Rivoluzione moltissimi iraniani, fedeli allo Scià, cercarono riparo all'estero.


 

Ma quando nel settembre del 1980 l'Iraq aggredì la Persia, la maggior parte di loro, quasi tutti rifugiati in Usa, chiese e ottenne di rientrare in patria. Per combattere. E non certo per badogliare.


Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I più letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext