Home  »  Articoli  »  Mana niente?

Mana niente?

Facci liberoquotidiano 29/5/2013

Siamo a una svolta e non ce ne siamo accorti. Le analisi grilline sugli esiti del voto sono un campionario delle scuse più disgraziate che la sinistra ha avanzato negli ultimi vent'anni:


 il Paese peggiore contro quello migliore, gli onesti contro i «teniamo famiglia», il vicepresidente grillino della Camera che ha parlato di ingratitudine dei cittadini, il candidato grillino a Siena che ha detto «preferiscono le rendite di posizione al riscatto morale», un parlamentare che ha incolpato il voto clientelare, roba così.


 Il becchino di Torino, Travaglio, è giunto a imputare «alcuni meriti» agli stessi grillini: tra questi l'aver costretto i partiti a scegliere candidati migliori. Insomma un delirio, ma dicevamo della svolta epocale. È questa: per la prima volta in vent'anni, badateci, risulta assente dal proscenio la madre di tutte le scusanti: il conflitto d'interessi.


Nessuno ha attribuito il voto alla nenia che «sei reti televisive su sette sono in mano a Berlusconi», né altri hanno confutato questa idiozia contrapponendo che «l'85 per cento di ciò che si stampa in Italia è in mano alla sinistra», che è un'altra idiozia. Anche la presunta ineleggibilità di Berlusconi è stata ricondotta ad aspetti più formali che sostanziali: come mai, che è successo?


 Niente.


Assolutamente niente. Hanno capito che c'è la crisi e che del resto non frega niente a nessuno.


 Fine


Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I pi¨ letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext