Non usate i gay per distruggere la famiglia

Marcello Veneziani - Mar, 28/05/2013 - Il Giornale

 

Mentre un minorenne gay invoca su La Repubblica il diritto di esistere, un ennesimo film di lesbiche trionfa a Cannes.


Ci dev'essere qualcosa che non funziona con la realtà se un ragazzo si sente respinto dal mondo mentre il mondo, ogni giorno, non solo accoglie ma celebra l'omosessualità a norma di legge, d'arte e di vita.


Qualcuno dirà che un conto è la fiction, un altro è la realtà. Nella vita quotidiana non c'è questa omofilia di Stato e di potere, di cultura e di spettacolo.


Però si potrebbe dire pure l'inverso, che il ragazzo vive di riflesso le campagne contro l'omofobia e si convince di essere disprezzato dal mondo, perdendo di vista la realtà.


Merita rispetto, se autentico, il racconto del travaglio di un minorenne; fragilità di vario tipo angosciano i suoi coetanei. Bisogna dire a lui e a tutti che nessun uomo civile si sogna di negargli il diritto di esistere come gay, anzi se vive male questa sua propensione (parola ammessa nel codice penale gay o no?) ha tutto il nostro affetto.


Nessuna persona di buon senso si sognerebbe mai di sindacare nella vita privata e sessuale di nessuno se non nuoce ad altri. Ma la discussione pubblica verte su un'altra cosa, la differenza radicale, spirituale e corporale, tra la famiglia e le unioni gay. E la tutela civile e morale della famiglia, fondamento naturale e culturale di ogni civiltà e della sua continuità.


Non usate l'animo delicato di un ragazzo gay per degradare la famiglia a una srl o unione come tante. E per premiare tutto ciò che è gay solo perché gay.


Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I più letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext