CONTROSTORIA 74 - Rivoluzione

Vittorio MESSORI

 

Nel giudicare la svolta della storia occidentale nel Settecento, si tenga sempre presente quella differenza radicale di prospettiva che da allora separa noi da tutte le generazioni precedenti.


 

La diremo con le parole di Johan Huizinga: «Per l'uomo dell'Ancien Régime il nocciolo della prospettiva sociale stava nel concetto di eguaglianza totale tra gli uomini, ma riferita all'eternità, non ai pochi anni della vita terrena».


Il che, in fondo, vale non solo per l'égalité ma anche per le altre due Persone della Trinità rivoluzionaria: liberté, fraternité.


Non capiremo nulla della storia se non metteremo in conto questa differenza radicale: noi guardiamo alla Terra, i nostri antenati guardavano al Cielo; noi ci aggrappiamo alla vita, loro meditavano sulla morte; noi ci preoccupiamo di far carriera, loro di salvarsi dall'inferno; noi ci confrontiamo con i padroni, loro con il Padre.


Certo, quella prospettiva non impediva che la si tradisse bellamente, col lasciare libero sfogo alle umane passioni di sempre. Ma si trattava pur sempre di "tradimenti" (ampiamente deplorati dalla coscienza pubblica e pagati dagli interessati con segreti o espliciti sensi di colpa) rispetto a un orientamento di pensiero e di vita generalmente e pacificamente accettato.


Le cose si sono talmente rovesciate che, mentre era peccaminoso "tradire" il Cielo per la Terra, a partire da un certo punto diventa peccaminoso (almeno socialmente) il contrario: il pensare all'eternità e non alla storia, anzi alla cronaca. È questo, infatti, il concetto di "alienazione" contro cui, seppure da punti di vista diversi, combattono sia il marxismo "proletario" che la psicoanalisi "borghese". "Anormale", un tempo, era chi guardava in basso; nei secoli moderni "anormale" è chi guarda in alto.


È forse questo il motivo per cui il linguaggio politico moderno fece ricorso all'astronomia, e quegli eventi li chiamò "rivoluzionari": parola dotta che, sino al Settecento, riguardava la fisica e non la politica, indicando il movimento di un corpo astrale attorno al suo asse. Parola ottimamente scelta, per significare questo "rigirarsi" completo, questo mutamento totale di prospettiva.


Possiamo pensarne bene o male: sta di fatto che -nel giudicare la storia che ci ha preceduti- non ci è lecito dimenticare che questa "revolutio" è avvenuta e che, quindi, le "nostre" categorie non sono più le "loro".


Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I più letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext