Un'Ipotesi di Difesa Estrema

14/4/2012 Di FunnyKing per rischiocalcolato.it

Lo dico subito, in questo articolo predicherò bene e razzolerò male. 

Do per scontato che chiunque legga questo sito si sia sbarazzato per tempo di qualsiasi immobile a cui non sia legato per ragioni familiari, professionali o affettive.  O che si sia già organizzato per vendere ad un prezzo di mercato ragionevole.

Sono mesi che da questo sito vi diciamo, con tanto di dati statistici, che l'asset più pericoloso e sopravvalutato in questo paese è l'immobile. Si aggiunga il fatto che tra qualche mese esso sarà anche oggetto di una progressiva confisca attraverso lo strumento dell'IMU e della rivalutazione degli estimi catastali.


Oggi vorrei fare un passo avanti e proporre un ipotesi che oggi può apparire estrema:


Si tratta di questo: La logica imporrebbe di vendere anche la propria prima casa, segregare il ricavo fuori dal sistema bancario italiano e andare a vivere in affitto. 


Lo Stato Italiano sta morendo per mancanza di risorse. Teniamo presente che esso è congegnato allo scopo principale di mantenere una numerosa casta parassitaria maggiore (politici, boiardi di stato, imprese sussidiate, sindacalisti, apparati di partito, media) ed anche milioni di parassiti minori, spesso inconsapevoli, la base del potere. Cittadini che vivono senza produrre alcuna ricchezza reale e che traggono lo stipendio o una pensione/vitalizio solo parzialmente pagata grazie al lavoro e all'ingegno degli "altri". I produttori di ricchezza netti. Quelli che oggi stanno morendo, anche fisicamente, schiacciati da un carico fiscale, normativo, giuridico e burocratico insostenibili.

Il processo che sta portando alla dissoluzione e alla bancarotta degli apparati statali italiani sarà lungo e estremamente pericoloso. I parassiti, per natura, portano alla morte dell'organismo che li tiene in vita. Morendo essi stessi.


Tradotto significa che la classe dirigente parassitaria italiana, spinta anche da un largo e strisciante consenso cittadini che sempre più vedono minacciato il loro status di privilegio, sarà capace di fare qualsiasi atto criminale contro la proprietà. L'esproprio generalizzato sarà giustificato dall'esigenza di una finta e pelosa "solidarità" verso i più deboli. Da chi non ce la fa.


Non mi dilungo, sono tutte cose che sapete. Come sapete che poco possiamo fare per evitare questo scempio a livello collettivo, ma molto, moltissimo possiamo fare come individui per difendere noi stessi, la nostra famiglia e i nostri amici.

Ogni bene registrato in Italia, non solo la casa ma anche auto, barche, conti correnti, titoli azionari e obbligazionari è in pericolo, e per sua stessa natura sopravvalutato. I prezzi degli immobili oggi scontano solo una piccola frazione del rischio di confisca (ipertassazione) da parte dello Stato.


Nel tempo questo rischio sarà sempre più evidente generando un ulteriore effetto valanga nel crollo dei prezzi.


La soluzione dunque è vendere, anche la prima casa, segregare quanto ottenuto fuori dal sistema bancario italiano, si può pensare di depositare le somme in paesi ancora rispettosi del diritto di proprietà oppure optare per l'acquisto di oro e l'uso di luoghi di deposito non standard per i contanti.(cioè fuori dalle banche italiane, cassette di sicurezza comprese).Poi  si deve avere l'accortezza di cercare, in sostituzione della prima cas, un immobile in affitto con un canone stabilito per almeno un quinquennio da criteri certi e svincolati da eventuali cambiamenti nelle norme fiscali.

Chiudo dicendovi, per onestà, che sebbene la logica imporrebbe di fare questo passo a me risulta quasi impossibile. Il mio condizionamento culturale e soprattutto quello della mia consorte impedisce in pratica una soluzione cosi' drastica.  La tana è sacra, dunque sotto con l'IMU conscio che l'obolo di quest'anno sarà solo una frazione di quello dei prossimi.

Buon week End


Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I pi¨ letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext