Basta fisco: le imprese si mobilitano in 80 piazze

26/1/2013 lindiopendenza.com

 

Un documento di 30 pagine sviluppato in 12 punti, dal fisco alla burocrazia, dal credito al lavoro, alle infrastrutture, all'energia.


 E' cosi' strutturata l'Agenda che Rete Imprese Italia portera' lunedi' all'attenzione delle forze politiche che si candidano a governare l'Italia. Un documento che, partendo dalle ragioni dell'economia reale, cioe' delle imprese e del lavoro, vuole aprire una nuova stagione di dialogo e portare al centro dell'attenzione il ruolo che il sistema delle piccole e medie imprese e dell'impresa diffusa deve ricoprire nelle politiche economiche del prossimo governo e della prossima legislatura.


La mobilitazione di Rete Imprese Italia, lunedi' 28 gennaio e' imponente: coinvolgera' 80 citta', assumendo le forme piu' varie: un tappeto nero nel capoluogo toscano con la scritta "non spengiamo Firenze". A Padova verranno stese al sole mutande accanto al cartello "Ridotti cosi"'. Distribuzione gratuita di pane a Napoli, in alcune province verranno consegnati "libri neri" agli amministratori. Molte iniziative tutte con unico scopo: far arrivare alla politica un messaggio forte e chiaro, la sofferenza delle imprese.


 E' necessario che la prossima legislatura riparta dalle imprese legate al territorio, cioe' da quel tessuto produttivo che, nonostante tutto, non si rassegna a tirare i remi in barca, si e' messo in discussione e ha saputo innovare, dicono dalla superorganizzazione della piccola impresa. La giornata di mobilitazione nazionale sara' aperta a Roma dall'intervento del presidente di turno di Rete Imprese Italia e di Confcommercio, Carlo Sangalli.


Parteciperanno i presidenti delle associazioni che compongono l'organo di rappresentanza delle Pmi; Giacomo Basso di Casartigiani; Ivan Malavasi di Cna; Giorgio Merletti di Confartigianato; Marco Venturi di Confesercenti. "Una giornata che senza enfasi - evidenziano dal quartier generale di Rete Imprese - puo' essere definita storica, e' la prima volta che tante associazioni e tanti imprenditori vogliono testimoniare il disagio e le difficolta' che incontrano quotidianamente nel gestire la propria attivita' d'impresa".


D'altra parte, il clima nelle aziende e' veramente pesante. "Nel 2012 e' morta un'azienda al minuto" ha detto Sangalli.


Una recente indagine di Rete evidenzia che il 47% degli imprenditori italiani imputa il perdurare della crisi, all'incapacit... della politica di trovare soluzioni efficaci, il 35,1% alle logiche e negli assetti della politica internazionale, il 32,7% alla burocrazia che blocca le riforme. Tra gli elementi che potrebbero sfociare in conflitto sociale ci sono la disoccupazione crescente (per il 35,9% delle imprese), i privilegi delle caste (32,3%), l'aumento della pressione fiscale (30,9%).


Insomma, dicono gli imprenditori, senza l'adozione di politiche coraggiose e di impegni finanziari dedicati alla crescita, gli sforzi delle imprese per rimanere sul mercato e produrre sviluppo potrebbero non andare a buon fine.


Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I pi¨ letti


Le perle


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext