Verso la Bancarotta: Vendite al Dettaglio in Crollo Verticale, L'Ultimo Presidio è Saltato.

31/5/2012 Funnyking per rischiocalcolato.it


(Venerdì 30 Dicembre, Mario Monti: Manovre Finite... a futura memoria)


Il Diario della Bancarotta Italiana


Come per la Spagna, anche in Italia le vendite al dettaglio costituiscono larga parte dei Consumi di un paese, e l'andamento del PIL e' strettamente connesso ai consumi.


ALTRA PIOGGIA DI SOLDI IN SICILIA: ROMA SBORSA 452 MILIONI DI EURO

1/6/2012 di ALESSANDRO SCOLARI per lindipendenza.com

Le previsioni "Meteo" assicurano condizioni stabili per la Sicilia. Continuano a piovere soldi pubblici, come da 60 anni a questa parte. Questa volta si tratta di 452 milioni di euro, li chiamano fondi europei nazionali, nella sostanza sono soldi raccolti tra i contribuenti "italiani". Serviranno per avviare stage retribuiti e concedere bonus alle imprese che assumono. Una pioggia di euro che, secondo il Ministro alla coesione territoriale Giarda che coinvolgerà 50 mila giovani siciliani, perpetuando, in pratica, la logica politica dei "sussidi".

'APOCALYPSE MURDOCH' - 17° PUNTATA -

1/6/2012 DI GLAUCO BENIGNI dagospia.com

DALL'INTUIZIONE DI UN GIORNALISTA INGLESE, PIOVE DAL CIELO SU MURDOCH IL BUSINESS DELLA TV SATELLITARE: NASCE "SKY CHANNEL" - LO SQUALO CONTINUA A PERDERE SOLDI, MA SIA LUI SIA I FINANZIATORI CREDONO IN UN PROGETTO LA CUI RICCHEZZA È LA PUBBLICITÀ SU SCALA GLOBALE: SI VA VERSO LA GLOBALIZZAZIONE DEI MEDIA - LA "SKY TELEVISION" PARTE FRA LE CRITICHE...


Chi metterà incinta l'Italia depressa

Di Marcello Veneziani per il Giornale

Sia chiaro, non verrà nessun messia a salvare l'Italia. Però è una ginnastica salutare sporgersi in piena notte sul davanzale del giorno che verrà. L'Italia ha bisogno di qualcuno che la metta incinta. Sì, proprio incinta. Non penso a un Miracoloso Salvatore nel ruolo di stallone. Penso a un movimento fresco, che parta da pochi, a un'idea che si trasmette come una scossa elettrica per svegliare gli italiani dalla rassegnata depressione. Non ci salveremo se continueremo a pensare che la crisi dell'economia si salvi con l'economia. È ovvio che occorrono risposte adeguate ed efficaci sul piano economico, che ora non vediamo.

Se Angela avesse ragione?

31/5/2012 Di Michele Boldrin per Panorama

Su cosa sta accadendo in Europa e su come uscire dalla crisi, proviamo a fare autocritica. Con ironia.


Mario Monti l'ha detto anche in televisione: siamo parte di un nuovo e potente asse, Madrid, Parigi, Roma (Atene non pervenuta) che sta stringendo l'avversario all'angolo e «non fra moltissimo» riuscirà a fargli pagare caro, pagare tutto. Sì, perché, diciamocelo, questi tedeschi se la sono proprio andata a cercare la risposta dei popoli d'Europa al teutonico produttivismo che continua a sfornare Audi invece di grattarsi la pancia con un bel prepensionamento mediterraneo. Sono vent'anni che se la cercano e ora le grandi proletarie si sono mosse: o Bundbond o Tobin tax... o entrambe! Che altrimenti, come facciamo a spendere il 15 per cento del pil in pensioni, a sfamare svariate migliaia di burocrati e politici che guadagnano più di Ben Bernanke, a mantenere sotto controllo pubblico praticamente tutte le grandi aziende nel settore dei servizi e le banche anzitutto, a finanziare la nuovissima e dannosa Banca del Sud... e basta così che altrimenti mi finisce lo spazio?


L'AVVELENATA - UTILI IDIOTI

1/6/2012 Alberto Bisin DA /noisefromamerika.org

Uno sfogo come un altro davanti ad una crisi che ci sta scivolando di mano. 

Vorrei proporre una sintetica interpretazione di cosa stia succedendo in almeno un sottoinsieme dei paesi Europei  travolti dalla crisi, diciamo Grecia, Italia, e anche Francia (la dinamica della crisi per Spagna e Irlanda e' diversa; del Portogallo non so nulla). Argomentero' poi che almeno parte della colpa di cosa sta succedendo vada addossata alla piega che ha preso il dibattito economico in questi paesi (e nel resto d'Europa). Infine trarro' le mie conclusioni su chi guadagna da questa situazione. Questo mi aiuta ad identificare gli utili idioti della situazione.


La storia della Chiesa lo insegna: mai confondere l'involucro con la perla

29/5/2012 Di Vittorio Messori da vittoriomessori.it

E' il riflesso condizionato della professione. Comprensibile, forse doveroso, ma che talvolta pare un po' abusivo. Parlo del setaccio cui i giornali sottopongono i testi papali per trovarvi qualche allusione agli eventi dell'attualità ecclesiale. Al proposito, ho letto con attenzione il testo completo dell'omelia pronunciata ieri da Benedetto XVI alla messa di Pentecoste. Dicono che l'abbia scritta tutta di suo pugno, a differenza di molte altre cose in cui si limita a rivedere quanto preparatogli secondo le sue istruzioni, orali o scritte. Vi ho trovato una pagina di alta spiritualità, un pressante appello non solo ai fedeli ma all'umanità intera a ritrovare comprensione e comunione, abbandonando tanti contrasti, risolti magari con la violenza.

CILICI E COMPASSI

31/5/2012 di Alberto Statera per 'la Repubblica'

DALLA PROTEZIONE CIVILE AI GRANDI EVENTI, DAI FURBETTI DEL QUARTIERINO CAPITANATI DAL PIO LEGIONARIO DI CRISTO ANTONIO FAZIO, INTIMO DEL CARDINAL GIAN BATTISTA RE, ALLA P3 E ALLA P4; DAL SAN RAFFAELE DI DON VERZÉ AL GRUMO DI INTERESSI IMMOBILIARI DI PROPAGANDA FIDE. IN UNA FOLLA DI CARDINALI E FACCENDIERI, MINISTRI E AFFARISTI, GENTILUOMINI DI SUA SANTITÀ E BANCAROTTIERI, OPUISDEISTI E MASSONI - "MA PERCHÉ IL VATICANO APPOGGIA SEMPRE I CORROTTI, I CORRUTTORI, I LADRI, I MANOPOLATORI DI COSCIENZE?"...

FIAT IN FUGA -

31/5/2012 Vittorio Malagutti per il 'Fatto quotidiano'

CON L'UNIONE TRA I GAGLIARDI TRATTORI DI CNH E I MOSCI CAMION IVECO, UN ALTRO PEZZO D'ITALIA SE NE VA: LA SOCIETÀ LASCERÀ LA BORSA DI MILANO (PER WALL ST.) E SPOSTERÀ LA SEDE IN OLANDA, DOVE LE TASSE SONO MINIME (LA FAMOSA EURO-ZONA) - SI TRATTA DI UN'ANTEPRIMA: CHRYSLER STA SURCLASSANDO FIAT, ZAVORRATA DA UN'EUROPA IN DECLINO, E QUANDO CI SARÀ LA FUSIONE, ADDIO TORINO, IL FUTURO È A DETROIT - FIOM: VENDIAMO MIRAFIORI ALLA VOLKSWAGEN...

Il vilipendio ai tempi di Internet

31/5/2012

Nell'Italia repubblicana esiste un reato che richiama l'assolutismo monarchico e la figura di Luigi XIV: il vilipendio del presidente della Repubblica. L'articolo 278 del codice penale recita "Offese all'onore o al prestigio del Presidente della Repubblica. Chiunque offenda l'onore o il prestigio del Presidente della Repubblica è punito con la reclusione da uno a cinque anni". Il reato di vilipendio deriva dal Codice Rocco del periodo fascista. Nel ventennio si tutelava dal delitto di lesa maestà la figura del re e di Mussolini, dal dopoguerra i presidenti della Repubblica.

Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I più letti


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext