TUTTO PUO' ANCORA SUCCEDERE

22/4/2012 Dagospia.com - Cesare Martinetti per 'la Stampa'

TUTTO PUÒ ANCORA SUCCEDERE - IL PROGRAMMA VINCENTE DI MARINE LE PEN: ‘'FAR ESPLODERE I DUE PARTITI DELLA FINANZA E DELLE BANCHE" - E ORA A CHI ANDRÀ IL VOTO DI UN ELETTORATO ANTISISTEMA? - SONDAGGIO: IL 50% VOTERÀ PER SARKÒ, UN 25 NON VOTERÀ PER NESSUNO, IL RESTANTE 25 PER HOLLANDE - E NON DEVE STUPIRE: LA CARTA DEL VOTO DEL FRONT NATIONAL RICALCA QUASI AL MILLIMETRO LA MAPPA DELLA CRISI INDUSTRIALE FRANCESE. VOTI OPERAI IN FUGA DALLA SINISTRA, MA ANCHE CAPACI DI SCEGLIERE, AL SECONDO TURNO, TRA UN SOCIALISTA E SARKOZY...

PIERFURBY TRAVAGLIATO

22/4/2012 Da Dagospia.com - Marco Travaglio per Il fatto

PIERFURBY TRAVAGLIATO- UN NUOVO "PARTITO LAICO, MA DI ISPIRAZIONE CATTOLICA", MA ANCHE VEGETARIANO, PERÒ DI ISPIRAZIONE CARNIVORA, IN CUI LATITANO GLI ELETTORI, MA ABBONDANO I LEADER: SONO 13! - MANCANO PURTROPPO ALCUNI PILASTRI DEL MODERATISMO CATTOLICO, COME TOTÒ CUFFARO, MOMENTANEAMENTE DISTACCATO A REBIBBIA, IL CHE SPIEGA COME SIA RIUSCITO CASINI A RIDURRE LE POLTRONE SENZA VENIRE AZZANNATO ALLA GIUGULARE: NELLO SFOLTIMENTO LO AIUTA LA FORZA PUBBLICA...

POLITICI ALLA SBARRA IN ISLANDA E UNGHERIA

21/4/2012 Di Alessio Mannino da il ribelle.com

In Islanda c'è il primo caso di ex primo ministro alla sbarra con l'accusa di colpevole default: Geir Haarde (nella foto) è stato incriminato per negligenza - un evidente eufemismo per dire connivenza - nel mandato 2006-2009. Che è come dire ieri. Nessuna scusa, nessun rinvio a future storicizzazioni che fan passare tutto in cavalleria: uno degli artefici della catastrofe finanziaria della piccola isola dell'Atlantico verrà giudicato da un regolare tribunale. Del resto la legge, se non serve il popolo, che razza di legge è?

DALL'ARCHIVIO - Incorporazione 2

ANNO 2009 Di Maurizio Blondet

Per contro, proprio nell'egemonia - oggi mondiale - degli Stati Uniti possiamo distinguere che essa poggia, assai più che sulle portaerei e sui sistemi missilistici americani, sulla diffusione spontanea di merci e beni altamente simbolici del «sistema di vita americano». La vodka non ha mai goduto del prestigio sociale che ha il whisky.Mai la gioventù del mondo ha scelto di indossare una shapka o dei valenki come ha desiderato di vestire i blue-jeans.E nessuna bevanda russa o europea ha il successo della Coca Cola.Il fatto è che miliardi di consumatori nel mondo caricano queste merci dei valori del tutto immaginari di «libertà individuale», «modernità», e nel caso del whisky di «classe», della rude eleganza propria dello Herrenvolk americano, del «popolo dei signori» che oggi bene o male è leader nel mondo: e quando consumano quelle merci, essi hanno l'idea di essere dentro il modello di vita americano.

DALL'ARCHIVIO - Incorporazione 1

ANNO 2009 - Di Maurizio Blondet

La storia di ogni popolo, dice Ortega y Gasset, è la storia di una incorporazione. A cominciare dalla nascita dell'impero romano

Nel dare inizio alla sua «Storia di Roma» - dice Ortega y Gasset - Mommsen cerca una frase, un concetto che compendi ciò che ha compreso dalla poderosa, erudita ricostruzione di quel colossale evento che è la storia del popolo romano: l'unico popolo antico la cui nascita, ascesa, declino e morte siano completi davanti all'occhio degli storici.Soprattutto l'unico in cui sia possibile mettere a nudo i meccanismi di un potere politico unificatore grandioso, che si estese al mondo conosciuto.

IL DIBATTITO / 2 Un anno per salvarci con la Rete e i giornali

22/4/2012 Vittorio Feltri Da Il Giornale

Conosciamo- noi e i lettori - la fantasia e le bizzarrie irriverenti di Marcello Veneziani, e quest'ultima sua provocazione appare in linea con le precedenti: è un paradosso e non va preso alla lettera, ma esaminato con cura, come tutti i paradossi che contengono verità acrobatiche.

Nel presente caso, Veneziani rilascia ai partiti della Seconda Repubblica il certificato di morte. Poi dimostra che la stessa seconda Repubblica in fondo era il tempo supplementare della prima, ed esprime il timore che la terza possa essere la clonazione di entrambe, quindi destinata al decesso nella culla. La soluzione che egli propone per superare l'impasse non è tecnica, bensì morale: un richiamo al volontariato popolare, un'esortazione alla gente affinché si mobiliti per selezionare uomini meritevoli di guidare lo Stato e il governo.


IL DIBATTITO / 1 Addio partiti di massa Il potere ai migliori

22/4/2012 Di Marcello Veneziani per il Giornale

Per una volta, caro Direttore e cari Lettori, lasciate che io non scriva un cucù ma un cucùrucucù, ovvero un cucù doppio, in formato eccezionale. Ma vorrei fare un discorso doppio, di congedo e di rinascita e per questo vi chiedo la clemenza e la pazienza di doppiare tempo e spazio.

 Statemi a sentire.

È finito il ciclo storico dei partiti, è inutile insistere, presidente Napolitano e neorifondatori tutti. Con l'abdicazione in favore dei tecnici perché incapaci di risolvere la crisi e con il crollo dell'ultimo partito, la Lega, si è conclusa un'epoca. La loro caduta agli occhi degli italiani non proviene solo dalla corruzione, ma dall'esatto convergere tra la provata e riconosciuta incapacità di governare la crisi e la difesa delle loro rendite di posizione, nonostante il malaffare.


Non si batte l'evasione limitando a 150 euro l'uso del contante

21/4/2012 Di Massimo Fini per il Gazzettino

Milena Gabanelli nella sua radicale ansia moralizzatrice, che rischia di dar ragione a Berlusconi, propone che ogni cittadino non possa spendere più di 150 euro in contanti. Tutte le altre transazioni dovrebbero essere regolate attraverso bonifici bancari, carte di credito, assegni. Gabanelli la prende alla larga e parla dei tabaccai, dei gioiellieri, dei benzinai, dei salumieri, dei farmacisti che sono stati uccisi per rapinare loro poche centinaia di euro. Se quel denaro cash non lo avessero tenuto sotto il bancone non sarebbero stati rapinati. Elementare Watson. Seguendo lo stesso principio una donna non dovrebbe uscire con una collana costosa o un uomo con un rolex al polso.

Nigel Farage. Il video che non vedrete mai nelle Tv italiane

21/4/2012 Da Youtube

E' davvero curioso e inquietante sapere che nessuna TV italiana, né i giornali online hanno mai mostrato il video nel quale Nigel Farage, parlamentare europeo in quota agli inglesi, denuncia il golpe oligarchico dei poteri forti e delle tecnocrazie europee a danno dei paesi meridionali dell'Europa. Dovevamo aspettare che fosse un inglese a denunciare il "golpe bianco" che ha portato a Palazzo Chigi un Governo illegittimo e non eletto da nessuno, definito tecnico, affinché firmasse il Fiscal compact e attuasse il pareggio di Bilancio, che guarda caso è quello che ci hanno chiesto i tedeschi per "salvare" la nostra economia dal default e che Monti ha sottoscritto in fretta e in furia con l'omertà del mondo politico e degli organi di informazione.

Non possiamo che ringraziare Nigel Farage e dare la massima visibilità mediatica al suo discorso che mi farebbe personalmente venir voglia di trasferirmi armi e bagagli in Gran Bretagna. God save the Queen e anche Nigel Farage!


Economia di Strada (11) - Monete Complementari -

21/4/2012 di Roberto Gorini per movimentolibertario.com

Non siamo obbligati a utilizzare l'Euro per scambiarci beni e servizi. Esiste da tempo la possibilità di utilizzare anche delle monete complementari. Imprenditori e cittadini possono accordarsi per comprare e vendere prodotti utilizzando dei crediti compensativi. Ecco cosa sono e come funzionano.


Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I pi¨ letti


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext