IL FALLIMENTO CI SALVERA'!

11/5/2012 Intervista di Stefano Vastano a Magnus Enzensberger per l'Esopresso

 CONSOLIAMOCI CON ENZENSBERGER: "OGGI TUTTI STRAPARLANO DI CRISI. MA NESSUNO SI PONE LA DOMANDA PERCHÉ, NEI SUPERMERCATI, ABBIAMO BISOGNO DI 125 TIPI DI YOGURT" - "AL CONFRONTO DELLE CATOSTROFI DEI TOTALITARISMI, LE CRISI CHE ATTRAVERSIAMO OGGI SONO PARADISIACHE" - "VIVERE NELL'INSICUREZZA È UN PUNTO D'ONORE" - "IN ECONOMIA, COME IN CULTURA, VALE LA LEZIONE DI BECKETT: "IMPARA A FALLIRE MEGLIO!"...

Il Pacifico, un oceano di plastica

10/5/2012 Da la Stampa

 

L'avreste forse vista, in qualche foto della serie Ci stiamo fottendo il pianeta, la "Grande Massa di Rifiuti del Pacifico", nota anche come Pacific trash Vortex, ovvero la più grande discarica del mondo. E' uno spettacolo impressionante, una distesa quasi solida di bottiglie e sacchetti di plastica, filtri di sigarette, palloni, siringhe, accendini, spazzolini da denti, oggetti vari, che occupa un'area sempre più vasta dell'oceano Pacifico.  Si tratta, per la precisione, di due vortici  formati dalle correnti oceaniche,  uno a 500 miglie nautiche al largo delle coste californiane, non lontano dalle Hawaii, l'altro nella parte orientale del Pacifico, davanti alle coste giapponesi.

Le conversioni 'estreme': «Può succedere a te»

10/5/2012 Di Andrea Galli per Avvenire

È ancora fresco in Spagna il ricordo dell'exploit de La última cima, un docufilm uscito in sordina nel 2010, in sole quattro sale, ma diventato con il passaparola campione di incassi nel Paese. È la storia di un sacerdote madrileno, don Pablo Domínguez, molto amato dalla gente, morto a 42 anni nel 2009: un incidente in montagna, mentre scendeva dal Moncayo, l'ultima cima spagnola di rilievo che mancava al suo curriculum di scalatore. Ai suoi funerali parteciparono migliaia di persone e una ventina di vescovi. E chi non l'aveva mai incontrato o non ne aveva mai sentito parlare ha potuto farlo con una pellicola fresca e toccante. Il racconto di una vita sacerdotale ordinaria, ma capace di parlare di Dio con lo stile e l'efficacia della santità quotidiana.

FRASI ED AFORISMI

Marcello Veneziani

La politica italiana è un pendolo che oscilla tra il cabaret e il linciaggio; derisione & lapidazione. Una via di mezzo tra striscia di Gaza e striscia la notizia.


Ami? Mai, rispondi con un anagramma beato.


"Amo" è un dolce verbo singolare che nasconde un tremendo sostantivo, quel gancio trafiggente che ti fa abboccare.  


Detesto il genere umano. Non è il mio genere.


Disistimo le persone. Estensibile in famiglia.


Mandiamo via Monti!

10/5/2012 Di Jester Feed per rischiocalcolato.it

Le politiche balorde di questo Governo ci stanno portando al suicidio collettivo.


Dannazione, a vedere i pasticci che sta combinando Monti con la sua combriccola di professoruncoli, mi viene voglia di fare sogni pornopolitici, tanto da desiderare persino Prodi al suo posto. Uno che peraltro di tasse se ne intende(va) parecchio. E se dico Prodi, vuol dire che siamo davvero alla frutta secca. Neanche quella fresca. E certamente non quella di stagione.


'APOCALYPSE MURDOCH' 10° PUNTATA

10/5/2012 DI GLAUCO BENIGNI per dagospia.com

- COME INIZIÒ TUTTO: IL "MELBOURNE HERALD", IL COLLEGE, "RUPERT IL ROSSO", L'"ADELAIDE NEWS" - IL SENSAZIONALISMO, LE NOTIZIE POMPATE O DIRETTAMENTE INVENTATE, I GUADAGNI CHE SALGONO E LE PERPLESSITÀ DEI GIORNALISTI - I PRIMI GRANDI SUCCESSI: IL LANCIO DI "THE AUSTRALIAN" E DEL DOMENICALE "THE WEEK END AUSTRALIAN" - LA PRIMA TV: "CHANNEL 9" - "MR RUBBISH" CONQUISTA L'AUSTRALIA E PENSA ALL'INGHILTERRA...

Economia a 5 stelle Breve esame di tutte le mattane dirigiste e scassa conti pubblici del movimento grillesco

10/5/2012 Da Il Foglio

Te la do io l'economia. E' interessante esaminare le sedici pagine di programma economico del Movimento Cinque stelle, presenti sul sito internet di Beppe Grillo e analizzate in questi giorni anche da due intellettuali di area liberista come Alessandro De Nicola e Sandro Brusco. Il primo sull'Espresso ha sottolineato alcune vaghezze del programma grillesco. Soprattutto sul tema del debito pubblico, infatti, c'è solo una frase vaga e contorta, molto Prima Repubblica: "Riduzione del debito pubblico con forti interventi sui costi dello stato con il taglio degli sprechi e con l'introduzione di nuove tecnologie per consentire al cittadino l'accesso alle informazioni e ai servizi senza bisogno di intermediari". Non si sa insomma quali siano i "forti interventi sui costi dello stato" e soprattutto quali le "nuove tecnologie che consentano l'accesso a informazioni e servizi".

Beppe prepara la presa di Parma con i voti del centrodestra

10/5/2012 Di Camillo Langone per Libero

Grillo a Parma deve assolutamente vincere, altrimenti tocca dare ragione a Napolitano: «Ma dov'è questo boom?». Con tutto il rispetto per Sarego, seimila abitanti in provincia di Vicenza dove i grillini hanno conquistato il loro primo municipio, la piccola capitale è un'altra cosa. Qui si rischia di vedere Beppe Grillo alla prima del Regio e sarebbe uno spettacolo molto più interessante della milionesima «Aida». Ci sono ballottaggi grilleschi anche a Comacchio e Budrio, è vero, ma sono centri periferici e poi volete mettere il fascino di culatelli, prosciutti e strolghini con quello di anguille e ocarine? 

VIA I SOLDI DALLA POLITICA

10/5/2012 DA BEPPEGRILLO.IT

I soldi dei rimborsi elettorali i partiti li hanno già spesi, per questo non possono tagliare la prossima rata di 138 milioni di euro. Le banche li hanno "cartolarizzati". Violante ha spiegato che il taglio dei finanziamenti elettorali è propaganda, ipocrisia. "Tagliarli è impossibile!". Lui non si nasconde dietro un dito: "Il finanziamento pubblico annuale è necessario". La soluzione è semplice, se non si possono tagliare i finanziamenti illegali, in quanto rigettati da un referendum, si taglino i partiti. Tertium non datur. Il super pensionato, 32.000 euro al mese, Giuliano Amato, riservista della Prima Repubblica, ha trovato l'uovo di Colombo, finanziamento misto:

Monti su imprenditori suicidi: in-com-men-ta-bi-le!

9/5/2012 Di Oscar Giannino per Chicago Blog

Mi risulta incommentabile, il giudizio odierno espresso dal premier Monti sui suicidi ormai quotidiani, e più che quotidiani, tra piccoli imprenditori, commercianti, artigiani e partite IVA.  Incommentabile perché su casi così
dolorosi non voglio pronunciare parole aspre, come quelle che mi sono venute d'istinto dal profondo del cuore. Da due settimane animo su radio24 una campagna d'informazione sul tema, abbiamo aperto un indirizzo disperatimai@radio24.it, abbiamo ricevuto e riceviamo migliaia di lettere disperate per davvero, che descrivono non incalliti evasori, ma imprenditori travolti da pretesa fiscale in aumento verticale, banche che chiedono di rientrare sui fidi, Stato che non paga i suoi debiti e non compensa i crediti fiscali dopo aver preteso l'anticipo su Iva e Ires quando fatturi ma non incassi. 

Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I più letti


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext