ANTIDOTI - KEELHAUL

6/7/2012 Di Rino Camilleri per rinocammilleri.com/

L'Operazione Keelhaul fu conseguenza dell'impegno preso a Yalta dagli angloamericani di riconsegnare a Stalin tutti i russi prigionieri dei tedeschi.


Ma c'erano anche quelli che avevano combattuto con i tedeschi contro il comunismo. Un milione di persone, con le loro famiglie. Duecento di questi, arresisi agli americani a patto che non fossero rimandati in Urss, portati a Seattle furono costretti, pistole spianate, a salire su una nave sovietica.


Se la scienza corteggia la poesia

6/7/2012 di Marcello veneziani per Il Giornale

 La particella di Dio, la memoria dell'acqua, la ghiandola del­l'amore, il gene dell'immortalità. La scienza insegue il mito, la religione, la fantasia, la poesia


 E a volte ritrova im­pensate consonanze, trame del desti­no, connessioni inaudite. Di solito non sono gli scienziati a battezzarli in quel modo. Sono miracoli del linguag­gio, a volte illusioni lessicali. La scien­za non trova Dio né la prova della sua inesistenza, non pesca i ricordi nel ma­re, come fanno i poeti, non dimostra scientificamente l'amor che muove il mondo e le stelle, unisce e procrea; e non scopre l'immortalità, al più la leg­ge dell'invecchiamento a cui può op­porre resistenza, ma non cancellarla.


APPROFONDIMENTI - RIVOLTA VANDEANA

di Renato Cirelli

1. Un fatto divenuto un simbolo

Il termine «Vandea», grazie alla storiografia filo-rivoluzionaria, è divenuto sinonimo di rivolta reazionaria e di resistenza contro l'affermarsi del progresso, che hanno come protagoniste popolazioni contadine ignoranti, sobillate da clero e nobili, che utilizzano il fanatismo religioso per scopi in realtà riconducibili ai loro interessi e privilegi di classe. Questa interpretazione non ha potuto essere adeguatamente controbilanciata dalla storiografia filo-vandeana, perché, a tutt'oggi, gli storici di parte rivoluzionaria hanno praticato l'occultamento dei fatti e imposto la damnatio memoriae nei confronti dei protagonisti, quindi anche dei valori che stanno all'origine della rivolta vandeana.


DALL'ARCHIVIO

ANNO 2010 Assemblea azionisti Telecom Italia - intervento di Beppe Grillo


AFORISMI

CONFUCIO

Non esiste una strada verso la felicità. La felicità è la strada. 


Apprendere e non meditare è vano. Riflettere senza studio è pericoloso


Belle parole e una vistosa apparenza raramente sono associate alla vera virtù.


Meglio stare zitti dando l'impressione di essere stupidi, che parlare togliendo ogni dubbio.


L'uomo superiore è modesto nelle parole ma eccelle nell'azione.
 

 Se pensi in termini di anni, pianta un seme; se pensi in termini di decenni, pianta alberi; se pensi in termini di centenni, insegna alla gente.

 La vera conoscenza è sapere i limiti della nostra ignoranza.


UN ROMANZO, UNA BIOGRAFIA

Pierre Drieu La Rochelle

Fuoco fatuo (Le feu follet) - Edizioni Mondadori

Di grande spessore emotivo e di grande riuscita letteraria resta quel libro così bello e necessario che è Fuoco fatuo, da cui Louis Malle ha tratto un bel film nel 1963 con musica di Erik Satie.
Il 5 novembre 1929 lo scrittore surrealista Jacques Rigaut, uno dei più cari amici di Drieu La Rochelle, si toglie la vita. Fuoco fatuo, pubblicato due anni dopo, è il romanzo-testimonianza ispirato dalla sua tragica fine, ma anche l'affresco di un'epoca tormentata che ha avuto in Drieu uno dei suoi più grandi cantori.

Maria: le rivelazioni che fanno discutere

4/7/2012 da Avvenire

Nella sua ulti­ma fatica, il novantaquat­trenne storico e ma­riologo René Lauren­tin ritorna sul perso­naggio che più l'ha affascinato durante la sua lunga vita: Maria. Laurentin è noto per gli studi su Lourdes, coronati dai 7 volumi dei Documenti auten­tici e i 6 della Storia autentica, cui s'ag­giungono numerose opere su La Salette, Pontmain, Medju­gorje e altro. Ora esce in libreria Inda­gine su Maria. Le rivelazioni dei mistici sulla vita della Madonna (Mondadori, pp. 264, euro 18,50) scritto col sociolo­go François-Michel Debroise. È un'o­pera originale, audace per la libertà con cui è concepita, rigorosa nel me­todo e prudente. Quest'Indagine , di­fatti, non tratta della Maria «storica» o «evangelica» o «teologica» e nemmeno di quella apparsa a Melanie o Berna­dette. Si occupa della figura della Vergine nelle rivelazioni pri­vate di 8 mistici-veg­genti, e in particolare di 4: la venerabile María de Ágreda (1602-1665), la beata Anna K. Emmerick (1774-1824), la laica carismatica Maria Val­torta (1897-1961) e Consuelo, spagnola del XX secolo.

DALL'ARCHIVIO - Le vittorie segrete

ANNO 2008 di Maurizio Blondet per effedieffe

Mikhail Gorbaciov ha pregato nella basilica inferiore di Assisi.
Per mezz'ora.
Non riconosciuto da nessuno, fino a quando un frate lituano ha notato quest'anziano signore che pregava - dice - con silenziosa intensità.
Gorbaciov era con sua figlia, ed ha confidato che, da ateo, si è avvicinato alla fede attraverso la spiritualità francescana.
San Francesco, ha detto, «ha un ruolo fondamentale nella mia esistenza».
E l'ha chiamato «Alter Christus»: il che, credo, è teologicamente esattissimo, se le stigmate sono il segno dato ai pochi che seguono Cristo totalmente, sulla croce, a intercedere per gli immeritevoli (1).

5 luglio 2012 Il Riempitivo

5/7/2012 Di Pietrangelo Buttafuoco per Il Foglio

Roma sotto il caldo è un gigantesco casting. Canottiere, pantaloni maculati di umori ad altezza del cavallo, manate di gel, occhiali da sole, zoccole a spasso e tutto un vagheggiare Ostia Beach. Si va per strada, strisciando lungo le lamelle d'ombra di via Veneto e si ha l'impressione di incontrare solo comparse scappate dalle pellicole di Carlo Verdone ed è proprio una consolazione sapere che l'umanità si trasforma secondo codice di commedia e non di vestigia.

7 luglio 2012 Il riempitivo

7/7/2012 Di Pietrangelo Buttafuoco il Foglio

 L'amore che bussa e trova sempre chiuso è l'amore che va, viene, aspetta, torna e offre il respiro. Si chiama sospiro e non conosce tempo. L'amore sparso al vento non è più restituito. Resta nella carne e fa vecchia la giornata. E' desiderio, certo, ed è anche silenzio. E poi è spavento. L'amore che bussa e trova sempre chiuso è come il buio. E non ha mezzanotte per scivolare a nuova ora. Si lascia avvolgere in un mantello di bugie, non ha più parola e - da quel che gli è diventato in petto il cuore - goccia lacrime di sangue fatte aceto. Imparate, soldati, il volo dell'angelo. Così come insegna il vostro Zar, l'Imperatore. E' una traiettoria in discesa.

Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I pi¨ letti


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext