Seconda edizione del Premio Nietzsche in Val Bregaglia

13 e 14 ottobre 2012.

Il Circolo Culturale La Torre di Chiavenna (SO) sta promuovendo la seconda edizione del Premio Nietzsche in Val Bregaglia che si terrà il 13 e 14 ottobre 2012.


RELATORI: ANDREA TAGLIAPIETRA, GIUSEPPE GIRGENTI, MARCELLO VENEZIANI, MASSIMO DONÀ e SOSSIO GIAMETTA e la partecipazione speciale del filosofo EMANUELE SEVERINO. 

PROGRAMMA E SCHEDA ISCRIZIONE


ITALIA ALLA DERIVA(TI)

16/3/2012 Tratto da Dagospia.com Fonte Radiocor

Nei mesi scorsi ha pagato 3,4 miliardi di dollari a Morgan Stanley per uscire da una scommessa sui tassi d'interesse. Per questo a gennaio la banca d'affari ha poi annunciato di aver tagliato la sua "esposizione netta" verso il nostro paese dello stesso importo. E' quanto riporta l'agenzia Bloomberg, spiegando che l'Italia, il secondo paese piu' indebitato dell'Unione Europea, ha pagato l'ammontare per svincolarsi da contratti derivati risalenti agli anni '90, poiche' era diventato meno costoso cancellare i contratti piuttosto che rinnovarli. In base ai dati raccolti dalla newsletter Bloomberg Brief Risk, l'Italia, che e' gia' oberata da un debito record di 2.500 miliardi di dollari, ha perso sui suoi derivati piu' di 31 miliardi di dollari agli attuali valori di mercato.

Speciale Spagna:Bonos al 5,205%, Trattamento Berlusconi Pronto anche per Rajoy?(2)

16/3/2012 Tratto da rischiocalcolato.it

Nel lazzaretto europeo la Spagna è il malato più contagioso, troppo grande per fallire ma (più) fatalmente vicino alla bancarotta. I riflettori dei media sussidiati  per tutto il 2011 si sono concentrati sul dramma greco e presto lo faranno su quello portoghese. Nel frattempo, mese per mese le condizioni economiche e sociali del paese iberico diventano sempre più insostenibili, alcuni aggregati fondamentali sono già oggi come e peggio quelli di Grecia e Portogallo (disoccupazione spagnola 2011 al 20%, giovanile oltre il 40%).

Per questo motivo Rischio Calcolato ha deciso di seguire con una serie di speciali ciò che accade in Spagna.


TUTTO VERO TUTTO NERO

16/03/2012 di Eugenio Benetazzo da eugeniobenetazzo.com

L'altro giorno nella marca trevigiana mentre mi accingevo ad entrare in autostrada, in prossimità del casello vi erano due pattuglie di finanzieri che fermavano auto sportive di grossa cilindrata e verificano le varie generalità, in fila c'erano una Corvette, un Cayenne e un Q7 ed i relativi conducenti intenti a gesticolare o inveire. Un venditore presso un concessionario di un noto brand automobilistico d'elite mi ha confidato che negli ultimi tre mesi sono crollate le vendite e molte sono state annullate rimettendoci anche la caparra di fermo veicolo, sono esplosi invece i ritiri dell'usato di grande cilindrata indirizzato verso i paesi dell'area balcanica. Per anni in Italia non si è mai implementata seriamente una caccia all'evasore e tutto ad un tratto diventa la priorità nazionale. Forse più che priorità sarebbe da definirla la contingenza nazionale. In Italia si evade o si favorisce indirettamente l'evasione su larga scala ed a ogni livello, dal povero pensionato al grande industriale.

Lo Schema Ponzi della BCE (della serie le 'solide basi' europee)

16/03/2012 Tratto da Rischiocalcolato.it

Di FunnyKing

Nota di Rischio Calcolato: L'articolo che segue è di fondamentale importanza per capire lo schema Ponzi (meglio conosciuto come Catena di Sant'Antonio) che sta alla base del meccanismo conosciuto con l'acronimo di LTRO. Credo sia importante conoscere che razza di truffa ignobile ci sia  alla base della liquidità iniettata dalla BCE nel sistema tramite prestiti  all'1%. Molte delle cose che leggerete qui sotto sono talmente incredibili da trascendere perfino il concetto di "truffa", rimarrete a bocca aperta (ma vi assicuro personalmente che è tutto vero.). Piaccia o no, questo è l'Euro. Ancora una volta vorrei ringraziare  Mises Italia (nei vostri link...prego, e veloci!) per l'egregio lavoro di informazione che sta svolgendo. 


NOVITA' EDITORIALE

15/3/2012 SPUDORATI DI MARIO GIORDANO

OGGI ESCE SPUDORATI/ECCO IN REGALO PER VOI IL PRIMO CAPITOLO


Caro lettore,

lo so. Se sei in libreria e stai sfogliando questo libro ti stai chiedendo: perché devo comprarne un altro che mi fa incazzare? E se invece sei arrivato a casa e lo stai sfogliando seduto in poltrona ti stai chiedendo: perché ne ho comprato un altro che mi farà incazzare? Sono due domande molto simili, caro lettore, e pure molto sensate.  Non so se sia possibile trovare risposte altrettanto sensate. Ma se mi dai un attimo della tua attenzione  ci proverò.


Benzina a quota due euro gli automobilisti in rivolta

16/3/2012 di ETTORE LIVINI per www.repubblica.it tratto da Dagospia.com

Battuto il record del 1977. Allo Stato va il 50 per cento del prezzo Tasse, produttori e petroliere ecco cosa c'è dietro al salasso Nel 2011, il bilancio pubblico ha incamerato 37,3 miliardi, il 6,3%  in più dell'anno precedente Superato il record del 1977 eppure produrre un litro costa 0,80 euro, meno del latte I veri guadagni se li dividono l'erario, le compagnie petrolifere e gli Stati produttori

PERCH╔ HO LASCIATO GOOGLE

16/3/2012 Di James Whittaker, ex Capo Sviluppatore Di Google+, tratto da Dagospia.com

 

Liberamente tradotto dal blog "Il Tagliaerbe": http://bit.ly/z2TjS8


OK, ho mollato. Tutti vogliono sapere il motivo e rispondere a tutti individualmente non è possibile, ecco perché ho scritto questo post. Puoi leggerlo solo in parte (il punto cruciale è nel terzo paragrafo) o leggerlo tutto. Ma prima un avvertimento: non è un post drammatico, non si sparla di nessun ex-collega e non c'è nulla in più di quello che puoi trovare sulla stampa in questi giorni circa gli atteggiamenti di Google nei confronti della privacy degli utenti e degli sviluppatori software. Questo è semplicemente un racconto personale.


Siamo complici dei massacri afghani

15/3/2012 Di Massimo Fini per Il Fatto

Ora basta. Fino a quando gli italiani riterranno di dover rimanere complici dell'infamia che si consuma da più di dieci anni in Afghanistan? Alleati fedeli come cani, ma sleali perché noi i talebani li paghiamo perché non ci attacchino e, in alcuni casi, addirittura ci proteggano (il ministro della Difesa Giampaolo Di Paola ci quereli pure, ma gli consigliamo di farsi ragguagliare dai colleghi francesi che nel 2008 a Sorobi, dopo aver sostituito gli italiani nel controllo della regione fin lì tranquilla, furono vittime di un devastante agguato talebano perché non erano stati informati dai comandi italiani di questi poco onorevoli patteggiamenti).

Sondaggio GPG Marzo 2012: NORD

16/3/2012 Sondaggio voto al nord tratto da Rischiocalcolato.it

Sondaggio GPG Marzo 2012: NORD


Cerca nel sito

ContanteLibero.it

I pi¨ letti


Appello

Per cambiare la politica

Eventi del Circolo

Il calendario

Sezione Video

Eventi del circolo

Premio La Torre

1996/2011

Selezione Libri

Recensioni

Links

Collegamenti utili


Partners

Realizzato da Telnext